Geoff Keighley, creatore dei The Game Awards, è stato contattato dai produttori della Gamescom per creare uno show simile anche per la fiera tedesca, così da aumentarne attrattiva e renderla più internazionale.

Questo incontro ha portato alla Gamescom Opening Night Live, un nuovo spettacolo che debutterà lunedì sera 19 agosto alle 20:00 a Colonia. Lo spettacolo è un evento di due ore con Activision, Bungie, EA, Epic Games, Google Stadia, Square Enix, PlayStation, Xbox e molti altri grandi editori che porteranno diversi nuovi annunci, nuovi gameplay e trailer. Tra questi spicca la presenza di Hideo Kojima, il quale sicuramente annuncerà qualcosa per Death Stranding.

L’Opening Night Live si può già definire un successo, dato che è previsto che circa 1500 persone vedranno lo show dal vivo in un’arena creata apposta durante la Gamescom, oltre ad avere già una copertura streaming in diretta in nove lingue diverse. Keighley afferma che fa tutto parte della missione di Gamescom di spingersi non solo come uno spettacolo europeo locale, ma anche come uno spettacolo internazionale con un pubblico online. Queste le dichiarazioni di Keighley.

“Tutti stavano già partecipando alla Gamescom … Non ho avuto difficoltà a coinvolgere gli editori perché erano già lì. Penso che la Gamescom abbia cercato di trovare un nuovo modo per riunire l’industria, celebrare i giochi di fronte ai fan e anche trasmetterlo al mondo. La Gamescom è uno spettacolo enorme in Europa, e penso che vogliano far crescere la propria base anche a livello internazionale. L’idea è quella di “Riunire l’industria”, soprattutto alla luce delle crescenti divergenze e difficoltà che sta vivendo un altro importante evento di giochi estivi, l’E3. Gamescom ha punti di forza unici e con il nostro nuovo spettacolo stiamo rendendo questi punti di forza ancora più visibili, in tutto il mondo e online sulle varie piattaforme “.

La Gamescom quindi potrebbe sostituirsi all’E3, dato che quest’anno alla fiera di Los Angeles mancavano anche i principali nomi del settore (come Sony e Activision) e altri (come EA) non si sono molto esposti. La fiera tedesca, invece, presenta quasi tutti i principali nomi del settore allo show. Keighley infatti ha ribadito questo aspetto.

“La maggior parte delle cose che facciamo, lo facciamo in collaborazione con gli editor. Abbiamo il nostro comitato consultivo per The Game Awards, e la prima cosa che ho fatto è stata contattare loro e chiedere se era interessante per loro. Quello che ho scoperto è che tutti stavano già partecipando alla Gamescom. PlayStation, Xbox, Nintendo, EA Activision, mi dissero tutti: “Saremo lì e non stiamo pianificando la nostra conferenza stampa, quindi questa potrebbe essere un’opportunità unica per costruire qualcosa lì”. Non ho trovato difficile coinvolgere gli editori perché erano già alla Gamescom. Questo è ciò che mi emoziona davvero. È la stessa cosa con The Game Awards, in cui i capi di Sony, Microsoft e Nintendo sono usciti tutti sul palco all’inizio dello spettacolo. Più posso riunire tutti e mettere da parte la concorrenza, meglio è. Ed è estremamente stimolante, e anche con questo spettacolo tutti sono competitivi e uguali. Ma facciamo in modo che tutti partecipino allo spettacolo e si fidino di noi per costruirlo. “

Riguardo l’E3, il presentatore, invece, ha parlato di una crisi di identità che vuole aiutare a risolvere.

“E3 sarà il primo ad ammettere che stanno affrontando un po ‘di crisi d’identità su ciò che lo spettacolo è e per chi è. L’E3 ha molte sfide da affrontare e sto cercando di aiutarli a superarle e aiutare gli editori a orientarsi su quale sia l’approccio migliore agli eventi e alle fiere dei consumatori. Con The Game Awards abbiamo riscontrato molto successo con il nostro modello di trasmissione digitale. La Gamescom ha fatto davvero un buon lavoro nel creare uno spettacolo orientato al consumatore con molte persone. L’E3 è in crisi e ci siamo offerti di aiutarli. Penso che per l’E3, tutti debbano tornare al tavolo e farne parte. Devi aver bisogno di tutti per partecipare, devono essere eventi in cui possiamo riunire tutti, e ho detto al consiglio dell’ESA (organizzatori dell’E3) che vogliamo aiutare tutti a riunirsi in un grande evento del settore in estate.”

Con l’Opening Night Live non è la prima volta che Gamescom crea una grande vetrina di annunci di giochi, ma è la prima volta in un tempo relativamente lungo. Stando a Keighley sarà davvero incredibile e interessante, voi lo guarderete?

Commenti