Come vi abbiamo prontamente riportato ieri, alla Gamescom 2019 è presente anche un quarto filmato di Death Stranding oltre ai tre mostrati nel corso dell’Opening Night Live, show condotto da Geoff Keighley.

Questo nuovo trailer, intitolato “Briefing“, è presente al momento esclusivamente alla manifestazione tedesca, con i fan del gioco sparsi per il globo desiderosi di sapere cosa viene effettivamente mostrato in questo filmato inedito.

In questo articolo andiamo quindi a spiegarvi cosa abbiamo potuto vedere in anteprima alla Gamescom 2019:

Il trailer ci catapulta immediatamente nello Studio Ovale, studio del Presidente degli Stati Uniti d’America, dove sono presenti SamDie Hardman ed un ologramma di Amelie.

Proprio quest’ultima ha subito attirato le nostre attenzioni in quanto l’ormai iconica donna vestita di rosso, interpretata dalla celebre Linsey Wagner, mostra di avere un rapporto decisamente intimo con Sam, cercando di convincere il nostro a recarsi nella varie città d’America così di ricollegarle tra di loro.

Dalle parole di Sam ed Amelie viene rivelato che i due non si vedono da 10 anni, ma la donna non è invecchiata nemmeno di un solo giorno poiché il suo corpo è ancora “su quella spiaggia”.

Viene inoltre rivelato che madre di Amelie è Samantha “America” Strand, donna che è stata in passato il Presidente degli Stati Uniti d’America e che ha cercato, a tutti i costi, di riunire le UCA (United Cities of America). Questo piano però è naufragato quando, mancando soltanto Edge Knot City, Amelie è stata rapita dagli Homo Demens, gruppo di terroristi che si oppone per qualche motivo al progetto UCA e si distinguono indossando una maschera dorata a forma di teschio.

Da quel momento Amelie è rimasta bloccata sulla spiaggia di cui vi abbiamo parlato poco sopra.

A questo punto Sam, pur mostrandosi inizialmente poco convinto ad accettare l’incarico, accetta la missione così da riunire le varie città per poi liberare Amelie dagli Homo Demens, banda che vede presenti anche i personaggi interpretati da Mads Mikkelsen e Troy Baker.

Quindi viene dato a Sam un Q-Pid, collana con le piastrine che serve a collegare i vari avamposti, uomo che però prima di congedarsi per il lungo e difficoltoso viaggio afferma di non essere più uno Strand, avendo un proprio nome e quindi un’IO ben definito: Sam Porter Bridges, uomo libero che non è strumento di nessuno.

Ovviamente non temete, anche se non siete a Colonia è assai probabile che questo nuovo trailer venga pubblicato anche online nelle prossime ore.

Vi ricordiamo infine che Death Stranding è in arrivo ufficialmente su PlayStation 4 l’8 novembre 2019.

Acquista su Amazon.it

Commenti