Il 1° marzo, l’Executive Lounge dello stadio di San Siro accoglierà 64 giocatori da tutta Italia: al primo classificato, la possibilità di andare a Milanello ad incontrare i calciatori rossoneri!

Milano, 18 Febbraio 2019 – Che il calcio sia una delle più grandi passioni degli italiani non è certo un mistero. È l’unico sport sempre in vetta alle classifiche, una delle discipline più seguite della penisola, una vera e propria religione, tanto che le partite domenicali sono diventate un rito, un appuntamento fisso e imperdibile per migliaia di tifosi. Quello che non molti sanno, invece, è che anche la sua controparte videoludica è davvero seguitissima: del milione di appassionati che assistono assiduamente alle competizioni esport, sia virtualmente che dal vivo, ben il 95% destina il suo tempo ai tornei di giochi sportivi, tra cui quelli dedicati ai titoli calcistici[1]. Ed è per questo che PG Esports, la società dedicata al gaming competitivo del Campus Fandango Club, sempre attenta alle tendenze del mondo degli sport digitali, fa incontrare il calcio virtuale e quello reale con un nuovo torneo dedicato al videogioco calcistico PES 2019. È la PUMA Power Up Cup, la prima competizione organizzata in collaborazione con PUMA e una squadra di calcio, l’AC Milan.

L’appuntamento è previsto per il 1° Marzo dalle 16:00 alle 19:30 presso l’Executive Lounge dello stadio San Siro di Milano. Aperto a un massimo di 64 giocatori, permetterà al primo classificato di passare una giornata a Milanello, con la possibilità di incontrare i calciatori rossoneri ed assistere alla partita Milan – Sassuolo presso lo Sky Box PUMA di San Siro. Un evento che celebra la passione per il calcio in tutte le sue forme, con un programma da far gola a qualsiasi tifoso. Parallelamente al torneo, infatti, è stata organizzata un’attività di Test&Trial con cui sarà possibile provare le nuovissime scarpe da calcio PUMA FUTURE e PUMA ONE. Ma non finisce qui, perché a commentare le partite della competizione ci saranno i ragazzi di Chiamarsi Bomber, l’irriverente pagina Facebook dedicata al mondo del calcio con oltre 1 milione di fan. Naturalmente, ad attendere i fan più sfegatati ci saranno tantissime sorprese “rossonere”.

Le iscrizioni sono già aperte e chiuderanno il 27 Febbraio, mentre gli accrediti in loco inizieranno il 1° Marzo alle ore 15:00 presso l’Executive Lounge dello stadio di San Siro (ingresso 8). Chi accetta la sfida e vuole competere per dimostrare di essere il migliore può iscriversi al torneo con pochissimi click su pumapowerupcup.pge.gg, dove potrà anche consultare il regolamento e ricevere tutte le informazioni per potersi accreditare all’evento.

Che vinca il migliore!

Informazioni su Campus Fandango Club

Campus Fandango Club conta sei diverse società che hanno nella capofila, Fandango Club, il proprio motore commerciale. All’interno del Campus ci sono una società di catering, Mirtillo; una che segue la parte tecnologica di tutti i progetti, The Rocks; un tour operator che gestisce lo scouting e la contrattualizzazione delle location, specializzato in viaggi incentive e organizzazione di convention, Pratika; una interamente dedicata al mondo degli Esports e del gaming competitivo, PG Esports; e infine una specializzata in eventi retail e franchising, come Salone Franchising Milano, Rds Expo. Nel DNA del Campus ci sono progetti on demand per multinazionali e marchi di tutti i settori merceologici e anche diversi appuntamenti fieristici, da spettacolarizzare e far crescere per trasformandoli in veri e propri eventi. Dal 2014 Fandango Club segue l’intera organizzazione della Milan Games Week, il consumer show dedicato ai videogiochi e organizzato da Aesvi, l’Associazione Editori Sviluppatori Videogiochi Italiani, che nel 2017 è stato visitato da circa 148mila persone. Dal 2017 Fandango Club segue anche l’organizzazione di Salone Franchising Milano e di G! Come Giocare. Nel 2018 il Campus ha seguito il debutto in Italia di Man’s World, boutique event maschile che ha già conquistato il pubblico in Svizzera e Germania, e di cui detiene i diritti per l’Italia per i prossimi sei anni.

 

Commenti