Game Experience
LIVE

Elden Ring, ecco come battere Godrick l’Innestato

Ecco alcuni consigli per sconfiggere il boss

Godrick l’Innestato di Elden Ring è un nemico formidabile, e probabilmente rappresenterà la prova più difficile del gioco finora. La prima fase dell’incontro lo vede equipaggiato con due enormi asce e attacchi di vento, che dispiega sia a terra che in aria. Un altro attacco a cui dovete prestare attenzione è il suo ground stomp, che schiaccia l’area intorno a lui due volte in rapida successione, infliggendo molti danni se sei coinvolto. Un’altra raffica lo vede quasi strisciare sul terreno e poi saltare in aria per un altro colpo finale. Sarete in grado di resistere ad alcuni di questi attacchi proteggendoti con uno scudo, ma crea anche una certa distanza per i colpi che hanno una portata più ampia.

Godrick the Grafted Elden Ring

Quello che ti consigliamo di fare è evocare il PNG appena fuori dal cancello della nebbia per aiutarti in questo combattimento. Se non l’hai ancora trovata, prendi il sentiero dietro l’entrata del cancello della nebbia fino a quando non trovi una porta con un soldato morto dentro e un PNG in piedi sopra di essa. Dovrai passare davanti a un gigante e ad alcuni nemici per raggiungerla. Parlale un paio di volte e lei accetterà di aiutarti durante l’incontro.

Con il PNG al tuo fianco, permettile di aggredire il boss mentre tu gli vai dietro e inizi a infliggere danni. Non dovrai preoccuparti di molti dei suoi attacchi mentre si concentra sul PNG, ma tieni presente quello in cui sbatte a terra. Quello ti colpirà comunque. Tieni alta la guardia se ti capita di prendere aggro, e ritirati in modo che il PNG possa riprendere il controllo.

È anche una buona idea mantenere il combattimento all’ingresso o all’uscita delle scale. Grazie alla leggera elevazione che permettono, puoi eseguire attacchi in salto molto più facilmente.

Godrick the Grafted Elden Ring 2

Quando la barra della salute di Godrick l’innestato avrà raggiunto circa il 50%, verrà visualizzata una cutscene e si entrerà nella seconda fase del combattimento. Qui, una delle sue braccia sarà sostituita da una testa di drago che sputa fuoco contro di voi. Ci sono due varianti: una in cui il drago copre lentamente l’area con il fuoco, e un’altra in cui regna palle di fuoco dall’alto. Se inizia il primo attacco, corri semplicemente nella direzione opposta. Per l’altro, cerca di rotolare verso il boss o di arrivargli alle spalle e dovresti evitarli.

A parte questo, però, il combattimento rimane più o meno lo stesso. Solo con un po’ di fuoco in più. Continuate a permettere al PNG di prendere l’aggro (può curarsi una o due volte per restare più a lungo) mentre voi gli intaccate la barra della salute da dietro. Se ti si rivolta contro, allora ritirati ancora una volta e lascia che il PNG faccia il suo lavoro. Se muore, attivate alcune ceneri come quelle di Lone Wolf per distrarre ancora di più.

Elden-Ring_2

La nostra Recensione di Elden Ring

Se siete interessati, potete trovare la nostra recensione di Elden Ring a questo link.

Elden Ring è un videogioco incredibile. Il viaggio nell’Interregno è una delle migliori esperienze che l’intero medium abbia mai visto, caratterizzato da una grande vastità e da un’ancor più grande voglia di esplorare fino all’ultimo angolo del mondo di gioco. La quantità di cose da fare è corposa a tal punto da mettersi le mani nei capelli per poi riportarle sul pad e vedere sempre di più. Il sistema di combattimento che ha reso From Software meritevole della sua fama, è ulteriormente ridefinito, presentando alternative per ogni tipo di giocatore, e seppur la difficoltà sia ai massimi livelli, non mancano idee per chi non vuole perdere la pazienza contro un boss.

Fonte: Push Square

Articoli correlati

Oskar Heise

Oskar Heise

Amante di esperienze Singleplayer, indipendentemente dal genere di appartenenza. Quando sono stanco, faccio riposare l'anima sedendomi affianco a falò provenienti dal Giappone o cerco di non classificarmi ultimo in una partita online. Allergico a qualsiasi forma di console war.

Condividi