Game Experience
LIVE

Elden Ring diminuisce la difficoltà dei boss senza avvisare

Cambiamenti nascosti al pubblico, ma qualcuno li ha notati!

Elden Ring, come ogni gioco di From Software, verte su un particolare carattere distintivo dello studio di sviluppo guidato da Miyazaki, ovvero il punire duramente i giocatori che dovessero osare troppo, oppure essere poco attenti nella pianificazione di mosse, attacchi e strategie. Per questo sorprende del cambiamento di cui andiamo a parlare, un cambiamento introdotto con la più recente patch di cui tuttavia nelle note ufficiali non v’è traccia alcuna.

I boss di Elden Ring sono stati infatti indeboliti, o “nerfati”, per usare il gergo gamer:

Il cambiamento sembra aver soprattutto interessato quei boss affiancati da numerosi nemici, ora palpabilmente più semplici da gestire poiché i nemici si lasciano più spazio l’uno con l’altro, evitando di attaccare in maniera aggressivamente simultanea. A rendere noto questo fatto di Elden Ring è stato per primo lo youtuber Illusory Wall, di cui potete ammirare il filmato in calce all’articolo o al link fonte dello stesso.

Il calo della difficoltà non sarebbe poi che uno di diversi cambiamenti nascosti introdotti in Elden Ring con l’ultimo update. Ammirando il filmato potrete conoscere altri di questi segreti, sui cambiamenti nei comportamenti dei nemici, perfino su quel famoso muro illusorio da “50 colpi” di cui si sente tanto parlare, e altro ancora.

Il calo di difficoltà, come ogni modifica che va a influenzare i bilanciamenti d’un gioco amato da molti proprio per il livello di sfida offerto, è destinato a far discutere di se. Da un lato avremo i timorati, che non disdegnano un livellamento della difficoltà in luce di maggiori chance di proseguire il gioco evitando ulteriore stress mentre altri, invece, gli irriducibili fan dei giochi hardcore che devono sempre atteggiarsi come se ogni sfida fosse facile, non tarderanno a canzonare questa scelta usando i tipici toni da veterano del Vietnam in stile “tu non sai cosa ho visto e cosa ho fatto”.

Intanto in quel di From Software da qualche tempo si sta affrontando uno dei primi tipici problemi dell’età di un titolo da poco lanciato, quel momento critico in cui una novità perdere la sua freschezza, divenendo notizia nota e già vista, e perdendo di conseguenza parte dell’interesse che sapeva generare. Cosi Elden Ring ha conosciuto il primo serio tracollo di giocatori, su Steam, e l’idea è che per ritardare queste perdite d’utenza lo studio stia già pensando d’intervenire in qualche modo (DLC, contenuti gratuiti, ecc…) al fine di alzare nuovamente l’interesse generato dal gioco.

ELDEN RING
Fonte: YouTube

Articoli correlati

Giovanni Carrieri

Giovanni Carrieri

Amante dei videogiochi sin dalla più tenera età ho trascorso la fanciullezza sulle console per poi passare, crescendo, al PC, mia attuale piattaforma di riferimento. Amo in particolar modo i giochi di ruolo e gli adventure, specie se open world e con una componente narrativa ben scritta e sceneggiata. Non disdegno il gioco multiplayer, sempre che la compagnia sia buona.

Condividi