Game Experience
LIVE

Disney+ ha superato i 118 milioni di abbonati

In due anni, la base di utenti del servizio di streaming è cresciuta a passi da gigante

L’ingresso di Disney nell’affollato mercato dello streaming con il suo Disney+ due anni fa è stato un successo. In anticipo per una finance call del Q4, la massiccia azienda di intrattenimento ha rilasciato numeri che mostrano come Disney+ si è comportata contro la dura concorrenza di Netflix, HBO Max, e altri.

In un report della società, Disney ha rivelato che Disney+ ha registrato una crescita del 60% degli abbonati da ottobre 2020 a un totale di 118,1 milioni di abbonati – in questo periodo l’anno scorso, quel totale era di 70 milioni di abbonati. Ecco le parole del CEO di Disney Bob Chapek:

“Siamo estremamente soddisfatti del successo del nostro business nello streaming. Siamo fiduciosi che il nostro intrattenimento di alta qualità e l’espansione in ulteriori mercati in tutto il mondo ci permetterà di far crescere ulteriormente le nostre piattaforme di streaming a livello globale.”

Disney

Da notare che alla chiusura del secondo trimestre fiscale del 2021, conclusosi il 3 aprile, Disney ha annunciato che il suo servizio di streaming aveva accumulato 103 milioni di abbonati in totale.

Hulu, di proprietà di Disney, è cresciuto del 22% tra il 3 ottobre 2020 e il 2 ottobre 2021. Hulu si trova ora a 72,6 milioni di abbonati per il servizio di streaming. La Hulu+ Live TV è scesa da 4,1 a 4 milioni in quello stesso periodo di tempo, che è un calo del 20%. Parte di questo può probabilmente essere spiegato dal fatto che il servizio ha aumentato i suoi prezzi nel novembre dello scorso anno.

Mentre il servizio è cresciuto in abbonati pagati, le sue entrate medie mensili sono diminuite da 4,52 a 4,12 dollari. Questo è stato attribuito al lancio di Disney+ Hostar, in quanto il ricavo medio mensile per abbonato è “significativamente inferiore“. In una chiamata di guadagno per il Q4, diversi dirigenti hanno sottolineato gli obiettivi della piattaforma per raddoppiare il numero di territori in cui il servizio sarà disponibile entro l’anno fiscale 2023, sottolineando anche la quantità di contenuti attualmente in sviluppo.

Fonte: Gamespot

Articoli correlati

Oskar Heise

Oskar Heise

Amante di esperienze Singleplayer, indipendentemente dal genere di appartenenza. Quando sono stanco, faccio riposare l'anima sedendomi affianco a falò provenienti dal Giappone o cerco di non classificarmi ultimo in una partita online. Allergico a qualsiasi forma di console war.

Condividi