NINTENDO

Anche gli Happy Meal Pokémon nel mirino dei bagarini

Molti McDonald’s stanno festeggiando i 25 anni dei Pokémon con una simpatica promozione che trasforma l’iconica confezione dell’Happy Meal nella giocosa faccia di Pikachu. Peccato che anche questa iniziativa debba essere rovinata da adulti molto avidi.

L’Happy Meal in collaborazione con Pokémon mette a disposizione, oltre il cheeseburger, anche 50 carte collezionabili, comprese alcune carte olografiche più rare. I bagarini hanno ben pensato di rovinare la festa anche ai bambini e stanno comprando in massa per mettere le mani sulle carte più rare da poi rivendere.

Infatti, le carte collezionabili dei Pokémon possono raggiungere cifre da capogiro con molti fan che lamentano problemi nel trovare le buste di espansioni nei grossi centri di distribuzione, e sono in molti a lamentare che è diventato impossibile trovare un Happy Meal dedicato alla promo nei vari McDonald’s. D’altro canto, sono molti i bagarini che sono riusciti a fare scorte di carte collezionabili finendo addirittura a riempire interi scatoloni da rivendere, poi, su eBay partendo da poche centinaia di dollari, fino ad arrivare oltre i mille.

Una promozione pensata da Pokémon Company, in collaborazione con McDonald’s, si sta trasformanda da una bellissima idea per far felici molti bambini, ad una squallida festa dell’irregolarità con i bagarini che hanno trovato il loro paradiso. Ovviamente questo comporta che i bagarini acquistino un numero elevato di cibo per ottenere la giusta quantità di scorte e fa almeno, in parte, piacere sapere che tale cibo non è stato buttato ma donato ai vari senzatetto in giro per le città.

Insomma, non solo PlayStation 5, Xbox Series X e schede video NVIDIA, ma anche carte collezionabili Pokémon cosi rendendo i bagarini un problema a 360 gradi in più settori e sarebbe ora che la legge prendesse le giuste precauzioni per fermare questo movimento illegale.

Pokémon