Game Experience
LIVE

A Plague Tale: Requiem, i motivi per cui girerà solo su PS5 e Xbox Series X|S

A Plague Tale: Requiem uscirà il 18 ottobre e il gioco sviluppato da Asobo Studio potrebbe stupire grazie alla potenza di PS5 e Xbox Series X|S

A Plague Tale: Requiem è uno dei giochi più attesi dal pubblico per il mese di ottobre. I fan dell’arcade adventure stealth, sviluppato da Asobo Studio e pubblicato da Focus Entertainment, dovranno attendere infatti il 18 ottobre 2022 per poter giocare alle nuove avventure di Amicia ed Ugo, alle prese con un viaggio irto di insidie, che li vedrà impegnati di fronte ad una nuova e terribile minaccia.

A Plague Tale: Requiem uscirà solo su PS5 e Xbox Series X|S in modo da sfruttare al meglio le possibilità tecnologiche delle nuove console e restituire un gioco migliore in ogni suo aspetto

In tal senso Nicolas Bécavin, Lead Engine Programmer di A Plague Tale: Requiem ha raccontato al blog ufficiale di Playstation quali saranno le peculiarità di questo atteso seguito, focalizzandosi in particolare sui vantaggi di un’esclusiva per le console di ultima generazione (ricordiamo che uscirà anche per Nintendo Switch, però in versione cloud) e su PC:

Abbiamo deciso di sviluppare A Plague Tale: Requiem per Playstation 5 (e Xbox Series X|S) per liberarci delle limitazione della precedente generazione e far in modo di poter sviluppare al meglio le nostre idee. Le potenzialità offerte in tal senso sono incredibili!

In merito ai tempi di caricamento:

I tempi di caricamento sono talmenti ridotti che ci hanno consentito di implementare le mappe e il level design in un maniera che non era possibile prima. Se aggiungiamo il fatto di avere a disposizione più memoria, siamo stati in grado donare una nuova profondità all’orizzonte, a tal punto che potrete guardare più lontano. Ne risulterà un mondo più vasto e più aperto rispetto al primo gioco

Riferendosi ai ratti:

I ratti nel gioco saranno incrementati per un fattore di sessanta, con una popolazione in crescita da 5.000 a 300.000! In questo modo sarà possibile creare uno scenario apocalittico che minaccerà e opprimerà i nostri eroi. Abbiamo anche cambiato il movimento dei ratti in modo da farli sembra come una sorta di onda, uno tsunami che ti viene addosso

Sulla illuminazione:

Grazie alla potenza delle nuove GPU, la qualità del illuminazione può essere drasticamente migliorata. Per mezzo delle nuove tecnologie e alla conseguente riduzione nelle limitazioni allo sviluppo, abbiamo reso più centrale la luce, come elemento ambientale in grado di creare nuove situazioni… Grazie anche al livello di dettaglio grafico, Hugo e Amicia vivranno in un’atmosfera molto più vivida, con un illuminazione in grado di arricchire gli elementi atmosferici come la nebbia volumetrica.

Sull’audio:

E a rendere speciale il tutto, vi sarà un audio 3D in grado di restituire un’esperienza di gioco più profonda e legata in modo simbiotico all’esperienza spaziale. Potrete percepire dal suono delle parole dove si trova un personaggio che in quel momento sta dialogando: se dietro o davanti a voi, in basso in alto… I giocatori saranno completamente avvolti dall’audio di gioco e potranno così interagire in modo più realistico e immersivo.

Vi ricordiamo attesa del lancio del titolo, nel corso di un’intervista con PLAY Magazine, Kevin Pinson, Lead Level Designer presso Asobo Studio, ha rivelato che il gioco sarà contraddistinto da una durata di circa 15-18 ore. Inoltre Pinson ci ha tenuto a specificare come questa longevità sia dovuta ad un obiettivo ben preciso del team di sviluppo: inserire nel gioco soltanto ciò che lo migliora, senza quindi inserire contenuti soltanto per estendere artificialmente la longevità del titolo.

a plague tale requiem

Archiviata questa novità, vi ricordiamo che A Plague Tale: Requiem approderà sul mercato di tutto il mondo nel corso della giornata del 18 ottobre 2022 su PS5, PC, Nintendo Switch (in versione Cloud) e Xbox Series X|S. Asobo Studio ha inoltre rivelato di recente che il sequel non era stato pianificato fino a quando il team non ha visto l’accoglienza positiva del gioco originale.

Articoli correlati

Condividi