NOTIZIE

Zombie Army 4: Cosa ci offre l’upgrade alla next-gen

Tra risoluzione 4K, 60 o addirittura 120 fotogrammi al secondo

L’ennesimo upgrade next-gen è qui: questa volta a seguire questa nuova pratica dell’industria videoludica è Zombie Army 4: Dead War, che è stato reso forte di alcune feature tipiche della nuova generazione segnata da PlayStation 5 e Xbox Series X|S.

Risoluzione e frame rate sono i bersagli tradizionali di ogni upgrade next-gen, il minimo necessario per definire tale un upgrade, e Zombie Army 4: Dead War vedrà aumentare entrambe queste caratteristiche, con alcune differenze a seconda della piattaforma favorita per giocare.

Differente è stata anche la data di lancio di questo update, con la versione PlayStation 5 di Zombie Army 4: Dead War rilasciata il 6 aprile e quella Xbox Series X|S disponibile solo da oggi, 8 aprile. Quali miglioramenti sono stati apportati a queste nuove versioni aggiornate? Sulla console di casa Sony si gode di risoluzione dinamica 4K, quindi soggetta a cali per mantenere il frame rate, che in questa versione è stato portato a 60 fotogrammi per secondo. Sono inoltre stati ridotti notevolmente i tempi di caricamento.

Per le due console di casa Microsoft la storia è invece differente: su Xbox Series X è possibile scegliere tra due modalità: qualità e performance. Nella prima modalità il gioco gira a 4K dinamici, anch’essa quindi soggetta a cali volti a garantire la fluidità dei 60 fotogrammi per secondo, nella modalità performance invece ci si accontenta di una risoluzione Full HD (1080p) ma si gode di ben 120 fotogrammi per secondo (a patto di possedere un adeguato display con supporto HDMI 2.1). Anche in questa versione i tempi di caricamento sono stati fortemente ridotti.

Zombie Army 4: Dead Warrior è già disponibile su PlayStation Plus, tra i giochi di aprile 2021, e anche su Xbox Game Pass come parte della prima ondata di giochi del mese di aprile. Se amate gli zombie e le grosse armi, probabilmente è il gioco adatto a voi. Buttatevi dunque nella mischia, fate saltare qualche cervello e tornate a dirci cosa ne pensate!