Game Experience
LIVE

Xbox e la storia dietro lo spot virale “Life is Short, Play More”

In un'intervista, Harvey Eagle ha voluto raccontare la storia del famoso (e controverso) spot TV dell'originale Xbox.

Ci sono alcuni ricordi che i primi fan Xbox terranno sempre in mente dal lancio della prima console, uno di questi è sicuramente lo spot TV “Life is Short, Play More” rilasciato per promuovere la console nel Regno Unito.

Questo annuncio è diventato famoso come uno dei primi esempi di video diventati virali ancora prima che esistesse Youtube. È anche noto per essere andato contro la Commissione per la Televisione Indipendente e per essere stato poi bandito. L’annuncio inizia con la nascita di un bambino, il bambino viene sparato attraverso la finestra e poi invecchia rapidamente, prima di schiantarsi contro una tomba. Lo slogan era appunto “la vita è breve, gioca di più”. Ha attirato ben 136 lamentele in totale da parte degli spettatori che hanno trovato l’annuncio “offensivo, scioccante e di cattivo gusto”.

Lo spot era stato commissionato da Harvey Eagle, che è entrato in Xbox nel 2000 e che è ancora a capo del mercato britannico ad oggi. Eagle era stato incaricato insieme ad un piccolo team di definire il brand Xbox per il mercato europeo.

“Ricordo che non esisteva un regolamento, nessuno di noi aveva lanciato una console prima, ed è stato un momento molto emozionante per far parte di quel piccolo team di lancio”, ha detto Eagle in un’intervista.

“Ricordo che abbiamo deciso di creare un contenuto che sarebbe stato condiviso in modo virale e che abbiamo pensato che sarebbe stato un modo davvero interessante per introdurre le persone al marchio Xbox. L’agenzia pubblicitaria all’epoca con cui stavamo lavorando era BBH, e al suo interno ci era stato assegnato un giovane team creativo di francesi ed erano due ragazzi chiamati Fred e Farid. Erano persone di grande talento, un team creativo molto prolifico.”

“Ricordo che abbiamo dovuto ridurre il formato del file a meno di 2 MB perché doveva poter essere passato tramite e-mail”. YouTube non esisteva a quei tempi e l’unico metodo per condividere qualcosa in modo virale era tramite e-mail. Ricordo anche di aver inserito un dispositivo di tracciamento, un pezzo di codice incorporato nel file, in modo che potessimo essenzialmente tenere traccia del numero di condivisioni”.

Il dispositivo di tracciamento ha rilevato che oltre 1 milione di persone hanno condiviso lo spot tramite e-mail.

“Potrebbe non sembrare così notevole rispetto ad alcune delle migliori visualizzazioni video di oggi, ma in termini di condivisione peer-to-peer tramite e-mail, era sicuramente un numero elevato a quel tempo”, ha affermato Eagle. “Abbiamo quindi deciso di mettere l’annuncio in TV. Poi è stato vietato poco dopo. Ma le denunce sono servite solo ad aiutare ulteriormente la sua notorietà”.

Eagle rimane ancora oggi molto orgoglioso dello spot, visto che l’ha portato a vincere numerosi premi per video virali e marketing, ed è stato anche mostrato online e nei cinema.

xbox-original-logo
xbox-original-logo

“Quando sei nuovo, devi essere chiaro su cosa rappresenti come marchio. E penso che quell’idea particolare racchiudesse davvero tutto ciò che stavamo cercando di rappresentare come un nuovo marchio nell’industria dei videogiochi”.

Articoli correlati

Daniele Franco

Daniele Franco

Videogiocatore incallito, fin da piccolo, appassionato di qualsiasi genere, ma in particolare GDR ed Action Adventure. Gioco principalmente sulla piattaforma verde, ma amo e rispetto tutte le piattaforme e tutti i giocatori, le tifoserie non fanno per me, giocate e divertitevi, quello è l'importante.

Condividi