Game Experience
LIVE

Un uomo in Canada ripara vecchie console e le regala ai bisognosi

Ecco la storia di Jasen Kerr

Un uomo di Alberta, Canada che ha chiesto aiuto alla comunità una vigilia di Natale sta ora aiutando altre persone bisognose per il quarto anno di fila. Jasen Kerr, un padre single che si sta riprendendo dal cancro e sta lottando con i suoi risparmi, aveva comprato un paio di giochi PlayStation 3 come regalo per i suoi figli.

Il giorno prima di Natale, la loro console di videogiochi è morta. “A Natale, non avevamo molto”, ha detto Kerr, ricordando le circostanze che lo hanno portato a fondare la Jay’s Charity for Families in Need. Kerr ha lanciato una richiesta di aiuto sui social media e la mattina stessa aveva quattro console e circa 100 giochi.

“Quel giorno, ho dato le altre tre console e un po’ di giochi ad altre famiglie che conoscevo.”

La sua associazione raccoglie videogiochi donati, console, computer e altro, li ripara e poi li dà alle famiglie della zona di Edmonton che ne hanno bisogno, giusto in tempo per la mattina di Natale.

Nel suo secondo anno, la carità ha donato 11 console, e nel terzo anno, 14. Ecco le parole di Kerr:

“Quest’anno penso di essere arrivato a quasi 30”

“La risposta travolgente ad alcuni degli annunci che ho messo fuori per le richieste di donazioni è assolutamente incredibile. E quest’anno sono sorpreso di quante persone ci hanno effettivamente contattato per chiedere aiuto”.

L’uomo usa Facebook per trovare le persone bisognose, pubblicando post in cerca di nominativi di famiglie e di persone che hanno contattato per assistenza. La stanza di Kerr nella sua casa di Gibbons, Alta, a circa 35 chilometri a nord-est di Edmonton, è piena di console di videogiochi, giochi ed elettronica donati. Lavora tutto l’anno per pulirli, ripararli e testarli. Con l’aiuto di volontari, mira a consegnare pacchetti contenenti una console, controller e diversi giochi a più di due dozzine di famiglie entro mercoledì.

Molte delle attrezzature e dei giochi sono vecchi, ma Kerr dice che è ancora un’esperienza speciale per i bambini.

“Non direi orgoglioso, ma sono onorato di essere in grado di aiutare queste persone. Perché ho ricevuto aiuto a un certo punto della mia vita, quindi so come ci si sente a voler provvedere ai propri figli.”

“Per me, non si tratta dei genitori, si tratta del sorriso sul volto del bambino quando sono in grado di aprire effettivamente qualcosa e vedere che … ehi, non è troppo male”.

Una volta che tutti i regali sono stati consegnati e sono al sicuro sotto l’albero, Kerr dice che si rimetterà al lavoro per preparare il prossimo anno.

Fonte: CBC

Articoli correlati

Oskar Heise

Oskar Heise

Amante di esperienze Singleplayer, indipendentemente dal genere di appartenenza. Quando sono stanco, faccio riposare l'anima sedendomi affianco a falò provenienti dal Giappone o cerco di non classificarmi ultimo in una partita online. Allergico a qualsiasi forma di console war.

Condividi