AMD ha rivelato proprio in queste ore che un hacker ha rubato alcuni dati relativi alle schede grafiche in arrivo di AMD, tra le quali troviamo anche quella di Xbox Series X.

L’azienda ha inoltre rivelato di essere stati “contattati da qualcuno che sostiene di aver sottratto dei test file relativi a una serie di nostri prodotti attuali e futuri“.

Il portale online Engadget afferma che tra i file rubati troviamo anche il codice sorgente di Navi 10, di Navi 21 e della GPU Arden di Xbox Series X appunto.

L’hacker in questione ha inoltre contattato AMD chiedendo 100 milioni di dollari per avere indietro i documenti rubati, affermando inoltre che se non riceverà questa cifra pubblicherà tutti i file in questione.

Tutto ciò sembra essere avvenuto lo scorso dicembre, rendendo pubblico il tutto però soltanto ora. Comunque AMD sta lavorando con le autorità competenti per indagare sul caso.

Ovviamente questo fatto non influirà in modo concreto sul lancio di Xbox Series X, ma si tratta comunque di un fatto decisamente grave per AMD che potrà avere non poche ripercussioni, anche economiche, nei prossimi mesi.

Le specifiche tecniche ufficiali FINALI sono le seguenti:

  • CPU: Zen 2 Custom da 8 Core a 3.8 GHz
  • GPU: RDNA 2 Custom da 52 CUs (Computing Units) per 12 TFLOPS a 1.825 GHz
  • Dimensioni chip: 360.45 mm2
  • Processo produttivo: 7nm Enhanced
  • Memoria: 16 GB GDDR6 con bus da 320mb
  • Banda di memoria: 10GB a 560 GB/s, 6GB a 336 GB/s
  • Memoria di massa: SSD NVME Custom da 1 TB
  • Velocità dati SSD: 2.4 GB/s (Puri), 4.8 GB/s (Compressi, con hardware di decompressione dedicato)
  • Espansione memoria di massa: Scheda dedicata SSD da 1 TB
  • Memoria esterna: Supporto per dischi esterni USB 3.2
  • Disco ottico: Blu-ray 4K UHD
  • Obiettivo prestazionale: 4K a 60 FPS, fino a 120 FPS
  • Dimensioni: 151x151x301 mm (LxPxA)

Xbox Series X sarà equipaggiata da un processore Custom adhoc realizzato con la più recente architettura Zen 2 e RDNA di nuova generazione di AMD. La console supporterà anche il ray tracing con accelerazione hardware. La tecnologia Variable Rate Shading (VRS) consentirà inoltre agli sviluppatori di sfruttare la massimo la GPU e l’SSD di prossima generazione ridurrà in maniera significativa i tempi di caricamento. La potenza dovrebbe aggirarsi attorno ai 12 Teraflop.

Inoltre sfruttando la tecnologia Auto Low Latency Mode (ALLM) e offrendo agli sviluppatori nuove funzionalità tra cui il Dynamic Latency Input (DLI), Xbox Series X sarà la console più reattiva di sempre. La nuova console è stata inoltre progettata “per un futuro nel cloud” con l’integrazione di funzionalità esclusive sia nell’hardware che nel software.

Iscrivetevi alla community Telegram https://t.me/Xbox_Italia_Community

Commenti