Game Experience
LIVE

Ubisoft nomina il nuovo CCO ma i dipendenti sono preoccupati per il tema della diversità

Il management di Ubisoft è occupato prevalentemente da uomini francesi bianchi, i dipendenti sono "scioccati dalla mancanza di diversità" nei ruoli leader dell'azienda.

Il nuovo chief creative officer di Ubisoft è Igor Manceau, un veterano di 20 anni della società che di recente ha guidato lo sviluppo di Riders Republic. Manceau assume il ruolo più di un anno dopo che il precedente CCO, Serge Hascoët, si è dimesso tra le accuse di cattiva condotta sessuale e in un momento in cui molti dipendenti hanno chiesto all’editore di Assassin’s Creed di cambiare i suoi leader prevalentemente francesi e franco-canadesi.

In qualità di chief creative officer, Manceau avrà il compito di guidare la visione creativa complessiva di ogni gioco Ubisoft. “Manceau lavorerà a stretto contatto con le parti interessate in tutti gli studi dell’azienda per includere diverse prospettive e sensibilità che alimenteranno lo spirito creativo del gruppo”, ha scritto ieri la società in un comunicato stampa , che sembra anticipare le discussioni relative a Manceau e la continua lotta di Ubisoft per fare in modo che i suoi ranghi più alti riflettano la diversità a volte sostenuta nei suoi giochi e marketing.

Il ruolo era stato precedentemente ricoperto da Serge Hascoët, un altro veterano decennale che ha visto terminare il suo mandato presso l’editore francese lo scorso luglio mentre faceva i conti con diffuse accuse di cattiva condotta sessuale. Hascoët era tra gli accusati, nel suo caso, di aver fatto commenti sessualmente espliciti a e sulle colleghe, ma anche di favorire un’atmosfera sessista e di proteggere altri uomini che hanno commesso molestie. A differenza di altri dipendenti Ubisoft accusati di cattiva condotta, ad Hascoët è stato permesso di dimettersi ma non è mai stato formalmente indagato.

Hascoët è stato anche al centro di controversie interne sulle quali gli sviluppatori Ubisoft sono stati promossi a suoi luogotenenti. All’inizio del 2020, la società ha annunciato la sua lista di VP per aiutare a guidare l’enorme dipartimento editoriale, responsabile di aiutare il CCO a supervisionare lo sviluppo in tutti gli studi di gioco. Tra i VP c’erano solo uomini bianchi. Dopo che le accuse contro alcuni degli uomini nominati sono state finalmente riportate pubblicamente, il CEO e co-fondatore di Ubisoft Yves Guillemot ha promesso di rivedere la sua formazione di leader. Una donna, Bio Jade Adam Granger, è stata finalmente nominata per quei ruoli all’inizio di quest’anno, ma molti dipendenti stanno ancora aspettando gli ulteriori cambiamenti più approfonditi che erano stati promessi.

“Non c’è una chiara espressione del processo creativo e c’è una scioccante mancanza di diversità nei VP”, ha scritto ieri in una dichiarazione un rappresentante del gruppo di dipendenti A Better Ubisoft . “Riconosciamo l’assunzione di Bio-Jade Adam Granger, ma non sono stati fatti molti progressi oltre a questo, soprattutto considerando che dovevano essere assunti altri due VP. Attualmente, così com’è, il team creativo di Ubisoft è composto da bianchi con background culturali uniformi”.

Oltre 500 dipendenti di Ubisoft ha inviato una lettera aperta alla direzione dell’azienda il mese scorso chiedendo riforme fondamentali nell’industria dei videogiochi per quanto riguarda le protezioni sul posto di lavoro per la cattiva condotta sessuale, manager tossici e altri problemi.

ubisoft

Anche Activision Blizzard sta affrontando un contraccolpo simile da parte dei suoi dipendenti su una causa in California che denuncia molestie sessuali e discriminazioni. Finora, nessuna delle due società ha formalmente riconosciuto le richieste dei dipendenti

Fonte: Kotaku

Articoli correlati

Daniele Franco

Daniele Franco

Videogiocatore incallito, fin da piccolo, appassionato di qualsiasi genere, ma in particolare GDR ed Action Adventure. Gioco principalmente sulla piattaforma verde, ma amo e rispetto tutte le piattaforme e tutti i giocatori, le tifoserie non fanno per me, giocate e divertitevi, quello è l'importante.

Condividi