NINTENDO

The Legend of Zelda: Skyward Sword HD registra ottimi voti su Famitsu

Ottima l'accoglienza riservata dalla redazione della rivista nipponica

La rivista giapponese Famitsu ha accolto in modo decisamente caloroso The Legend of Zelda: Skyward Sword HD, premiando il titolo con degli ottimi voti nell’ultimo numero lanciato in edicola. Un risultato che molti si aspettavano, visto il successo che il gioco riscosse già a suo tempo, nella forma originale.

Questa edizione rimasterizzata del gioco è valsa, nel sistema di valutazione di Famitsu, ben due 9 e due 8, per una valutazione totale di 34 su 40. The Legend of Zelda: Skyward Sword HD si presenta infatti cosi come lo si ricordava, ma forte di vari e notevoli miglioramenti dal punto di vista tecnico, ma anche da quello dell’ottimizzazione. Il gioco vanta ora inoltre un sistema di controllo duplice, forte sia con il rilevamento del movimento che con i comandi tradizionali dei Joy-Con.

The Legend of Zelda: Skyward Sword HD non a caso è uno dei giochi più attesi di questo luglio 2021, e il lancio è fissato a soli due giorni da oggi, per il prossimo venerdì 16 luglio, ovviamente in esclusiva assoluta per la console ibrida Nintendo Switch. Di seguito vi riportiamo i voti dei giochi valutati nel numero 1702 di Famitsu:

  • Crayon Shin-Chan: Ora to Hakase no Natsuyasumi – Owaranai Nanokakan no Tabi (Nintendo Switch) – 7/8/8/9 (totale 32/40)
  • The Legend of Zelda: Skyward Sword HD (Switch) 8/9/9/8 (totale 34/40)
  • Utawarerumono: ZAN 2 (PlayStation 5/PlayStation 4) 7/8/8/8 (totale 31/40)

Cosa ne pensate di The Legend of Zelda: Skyward Sword HD? Il gioco finirà dritto dritto nella vostra libreria giochi di Nintendo Switch, o c’è qualche cosa che vi frena all’idea dell’acquisto? Fateci sapere cosa ne pensate e dialoghiamo assieme a tal riguardo.

the-legend-of-zelda-skyward-sword

Curiosità: nel recente passato una copia sigillata di The Legend of Zelda, in condizioni quasi perfette, ha trovato un acquirente nel corso d’un asta che lo ha acquistato per una cifra astronomica di poco inferiore a un milione di dollari. Notizie come queste non possono che farmi dire: beato chi può permettersi simili spese, poco ma sicuro non soffre le difficoltà che soffro io, ndr.