Game Experience
LIVE

The Coalition donerà l’1% delle entrate future a enti di beneficenza per la prevenzione del suicidio

Il team di Microsoft affronta il delicato tema dei suicidi.

The Coalition si è resa protagonista proprio di recente di un gran bel gesto, decisamente meritevole di applausi, visto che ha annunciato di aver impegnato l’1% di tutte le entrate nette future dei giochi, e del merchandising, di Gears of War ad alcuni enti di beneficenza per la prevenzione del suicidio, con Crisis Text Line annunciato come primo partner.

The Coalition ha annunciato una nuova importante iniziativa volta ad affrontare il delicato tema del suicidio

A dare questo importante annuncio è stato direttamente il capo del team di sviluppo americano di Microsoft, Mike Crump, attraverso un nuovo post ufficiale su Xbox Wire, affermando che Gears of War è sempre stato sinonimo di appartenenza, affermando quanto segue per quanto riguarda il tasso di suicidio in aumento negli Stati Uniti:

“Non combattete mai da soli. Siamo orgogliosi di annunciare che The Coalition donerà l’1% delle entrate nette di tutti i giochi e i prodotti di Gears of War alle organizzazioni che lavorano per prevenire il suicidio e combattere la solitudine attraverso la difesa della salute mentale”.

Si tratta quindi di un annuncio decisamente importante, visto che The Coalition ha confermato un impegno pluriennale per aiutare la propria community, così da “creare un impatto nel mondo reale.” Crisis Text Line, che The Coalition spera sia solo il primo di molti partner, è un servizio di supporto per la salute mentale e di intervento in caso di crisi di alta qualità 24 ore su 24, sette giorni su sette, disponibile negli Stati Uniti (in inglese e spagnolo), Regno Unito, Canada e Irlanda.

the-coalition
Fonte: IGN.com

Articoli correlati

Alberto Rossi

Alberto Rossi

Videogioco praticamente da sempre, con il desiderio inesauribile di vivere fantastiche avventure in mondi affascinanti, potendo in questo modo assaporare quella splendida sensazione di libertà che mi è stata preclusa nella vita reale. E poi diciamocelo chiaramente: videogiocare su una sedia a rotelle è decisamente comodo!

Condividi