Game Experience
LIVE

Syphon Filter: John Garvin sul ritorno della serie dice ‘Mai dire mai’

L’imminente lancio di Days Gone segnerà il ritorno alla pubblicazione di giochi da parte di Bend Studio che per molti anni, ovvero dal 2011 quando pubblicò Uncharted: L’Abisso d’Oro per Playstation Vita, non aveva più sviluppato nulla.

Prima di allora lo studio sviluppò nel 2009 Resistance: Retribution e nel 2007 Syphon Filter: Logan’s Shadow. Quest’ultimo rappresenta attualmente l’ultimo capitolo della storica serie Syphon Filter, nata sulla prima playstation quando Bend Studio era ancora nota come Eidetic.

Nel corso d’un intervista con i colleghi anglofoni di Eurogamer John Garvin è stato interpellato sull’eventualità di veder pubblicato un nuovo titolo, o magari un remake o un reboot, della serie Syphon Filter. La risposta del celebre sviluppatore si può sintetizzare in un “Mai dire mai”. Ecco la sua risposta completa alla domanda:

“Apprezzo molto la domanda poiché fui scrittore e direttore dei titoli della serie Syphon Filter. Amo Syphon Filter però siamo stati cosi tanto concentrati su Days Gone ultimamente ma come questo gioco sarà finito e potrò rilassarmi… ci penserò. Mai dire mai!”.

In un epoca tanto fortunata per la ricomparsa in chiave ammodernata di titoli storici, specie su Playstation che ha visto il ritorno di giochi come Crash Bandicoot, Spyro the Dragon e che a breve vedrà pure il ritorno di MediEvil non è assurdo pensare che altri titoli dell’epoca della prima console Sony potrebbero tornare e, tra questi, potrebbe anche esserci proprio Syphon Filter.

Attendiamo di scoprire su cosa deciderà di lavorare lo studio dopo che Days Gone, in arrivo nei negozi il prossimo 26 aprile, sarà stato ultimato dando spazio per nuove creazioni agli sviluppatori di Bend Studio.

Articoli correlati

Giovanni Carrieri

Giovanni Carrieri

Amante dei videogiochi sin dalla più tenera età ho trascorso la fanciullezza sulle console per poi passare, crescendo, al PC, mia attuale piattaforma di riferimento. Amo in particolar modo i giochi di ruolo e gli adventure, specie se open world e con una componente narrativa ben scritta e sceneggiata. Non disdegno il gioco multiplayer, sempre che la compagnia sia buona.

Condividi