Lo so, è un compito arduo ed anch’io mi sto chiedendo in cosa mi stia andando ad imbarcare: riassumere l’intera trama della saga di Kingdom Hearts, in attesa dell’ormai imminente uscita del terzo capitolo, non è di certo un’impresa facile. Questo sia perché per avere un’idea chiara della storia è fortemente consigliato, se non fondamentale, aver giocato a TUTTI i titoli pubblicati nel corso di questi 17 anni (dato che ogni capitolo contiene almeno un pezzetto della trama necessaria per comprenderla pienamente), sia perché Tetsuya Nomura, director di Kingdom Hearts, non ha di certo realizzato una serie caratterizzata da una narrativa lineare. Il compito è arduo e pertanto mi scuso con i fan sfegatati che ricordano ogni dialogo della saga a menadito, dato che sicuramente mi lascerò alle spalle qualche evento: questo riassunto però non è per loro, ma per tutti quelli che non toccano il brand da parecchio tempo ed hanno bisogno di una rinfrescata degli eventi salienti. Ma prima di iniziare, un piccolo glossario.

Il Kingdom Hearts è un regno ancestrale nel quale sono custoditi tutti i cuori e dal quale si propaga una potente luce, fonte di potere e conoscenza. Il binomio luce-oscurità è uno dei temi cardine dell’intera saga: se nel cuore di qualcuno la parte di luce viene inghiottita da quella di oscurità il cuore si stacca dal corpo generando un Heartless, un essere oscuro che agisce per istinto e cerca di impossessarsi dei cuori di altre persone. Quando un Heartless viene distrutto, il cuore si riunisce con il corpo e l’anima del proprietario del cuore, a meno che esso nel frattempo non si sia trasformato in un Nobody, una creatura nata dai corpi senza cuore di persone dotate di una forte volontà.

Kingdom Hearts 𝛘[chi]

La storia di Kingdom Hearts inizia 1000 anni prima del primo capitolo, periodo in cui tutti i regni erano riuniti in un unico mondo ed una potente arma chiamata 𝛘-Blade (da pronunciarsi chi-blade) proteggeva il Kingdom Hearts: per cercare di combattere l’oscurità, il Maestro dei Maestri creò delle armi a immagine del 𝛘-Blade chiamate Keyblades ed incaricò 5 Maestri del Keyblade, conosciuti come Veggenti, di formare 5 Unioni di guerrieri addestrati a proteggere la luce. Quando nel cuore dei Veggenti si instillò il dubbio che fra di loro ci fosse un traditore, i guerrieri delle Unioni si scontrarono in feroci battaglie che furono ricordate come la Guerra dei Keyblades: in seguito a questi scontri l’oscurità non fece che dilagare ed alla fine della guerra il 𝛘-Blade si distrusse in 20 frammenti, 13 di pura oscurità e 7 di pura luce: a seguito della distruzione dell’arma, il Kingdom Hearts scomparve ed il mondo fu salvo solo grazie alla luce dei cuori dei bambini che però non poterono impedire una frammentazione del mondo.

Kingdom Hearts Birth By Sleep

Secoli dopo la Guerra dei Keyblade, un giovane di nome Xehanort, mosso dal desiderio di diventare un Maestro di Keyblade, intraprende l’addestramento insieme ad un altro apprendista che sarebbe diventato suo amico: Eraqus. I due giovani avevano posizioni diverse rispetto alla luce ed all’oscurità: se Eraqus era convinto che la luce dovesse avere il sopravvento sull’oscurità, Xehanort riteneva che le due forze dovessero essere in equilibrio, e con il passare degli anni queste sue idee si rafforzarono sempre di più. Xehanort fu anche ossessionato dalla ricerca del Kingdom Hearts e scoprì che per poterlo evocare era necessario ricreare il 𝛘-Blade facendo scontrare una persona dotata di un cuore di luce pura con una dal cuore di pura oscurità: decise pertanto di prendere con sé come suo allievo il giovane Ventus e, usando il Keyblade appartenuto al Maestro dei Maestri, separò la sua parte oscura da quello di luce, creando l’essere oscuro conosciuto come Vanitas. La nascità di Vanitas lacerò il cuore di Ventus che fu guarito da un bambino appena nato che aveva la capacità di toccare il cuore degli altri e lenirli dal loro dolore. Xehanort portò Ventus da Eraqus per farlo addestrare con i due allievi del suo vecchio amico, Terra e Aqua, con i quali Ventus strinse velocemente amicizia. Qualche anno dopo, durante l’esame per diventare maestro di Keyblade sostenuto da Aqua e Terra, Xehanort riuscì a instillare l’oscurità nel cuore di Terra che per questo motivo non fu in grado di superare l’esame. Terra decise quindi di andare alla ricerca di Xehanort, misteriosamente scomparso, nella speranza che questi gli insegnasse a governare l’oscurità che albergava dentro di lui, Ven si lanciò all’inseguimento dell’amico e ad Aqua venne affidata la missione di riportare entrambi a casa. Durante il suo viaggio, Terra incontrò un giovanissimo Riku e questo loro incontro porta Terra a trasferire parte dei suoi poteri nel bambino; la stessa cosa accade con Aqua quando incontra un’altrettanto giovane Kairi. Quando Eraqus scopre le reali intenzioni di Xehanort ed il suo piano per riforgiare il 𝛘-Blade, prende la dura decisione di uccidere Ventus, ma si scontra con Terra corso in soccorso dell’amico che sconfigge il suo maestro: indebolito, Eraqus viene ucciso da Xehanort e così facendo riesce a far accrescere l’ira e di conseguenza l’oscurità di Terra. Durante lo scontro finale, Xehanort riesce ad impossessarsi del giovane corpo di Terra, diventando Terra-Xehanorth, mentre Vanitas si batte con Ventus per poi fondersi con lui e riforgiare il 𝛘-Blade. All’interno del suo cuore, Ventus riesce però a sconfiggere Vanitas, distruggendo nuovamente l’arma ma cadendo in un coma profondo. Aqua sigilla il corpo esanime dell’amico all’interno del castello che li aveva accolti durante l’addestramento, trasformandolo in quello che sarebbe diventato il Castello dell’Oblio, dopodiché si mette a cercare Terra-Xehanort: a seguito dello scontro fra i due Aqua viene catapultata nel regno dell’oscurità, mentre uno Xehanort colpito da amnesia viene trovato da Ansem il Saggio. Insieme ad Ansem ed ai suoi apprendisti, Xehanort (ancora senza memoria) effettua una serie di esperimenti per cercare di ricreare artificialmente Kingdom Hearts, ma un incidente porta alla distruzione di Radiant Garden, alla scomparsa di Ansem il Saggio ed alla formazione degli Heartless. A causa di questo incidente Xehanort si scinderà in Ansem, il suo Heartless, e Xemnas, il suo Nobody.

Kingdom Hearts e Kingdom Hearts Birth by Sleep 0.2 – A Fragmentary Passage

Sora, Riku e Kairi si trovano sulle Isole del Destino e sognano di riuscire a scappare da quel posto per poter esplorare i mondi che stanno al di là del mare: il giorno prima della loro partenza l’oscurità distrugge le isole e separa i tre amici. Sora ottiene un Keyblade ed incontra Paperino e Pippo, mandati da Re Topolino a cercare la chiave per salvare il mondo: i tre stringono un’alleanza e cominciano a viaggiare di mondo in mondo sigillandoli dall’invasione degli Heartless, mentre Sora cerca costantemente di ricongiungersi ai due amici. Nel frattempo Ansem, in combutta con Malefica e con altri antagonisti dei mondi Disney, sta cercando le 7 principesse dal cuore di luce pura: tramite i loro cuori, Ansem vuole accedere al Kingdom Hearts per ottenerne i poteri, ma Kairi (che scopriamo essere una delle 7 principesse) prima della distruzione delle Isole del Destino è riuscita a mettere il suo cuore in contatto con quello di Sora e a sigillarlo nel corpo del ragazzo, rendendolo inaccessibile ad Ansem. Una volta ritrovata Kairi, Sora scopre che Malefica è riuscita a manipolare Riku sfruttando l’oscurità nel suo cuore e che Ansem si è impadronito del corpo del ragazzo ed ingaggia una battaglia con Sora che ne esce vincitore. A questo punto il ragazzo si impossessa del Keyblade di Riku, un’arma capace di liberare il cuore delle persone e si trafigge con essa per poter liberare il cuore di Kairi dal suo corpo, ma questa operazione tramuta Sora in Heartless che viene salvato da una Kairi ridestatasi che usa il suo potere di principessa della luce per soccorrere l’amico. Nel liberare il cuore di Kairi, Sora da vita al suo Nobody, Roxas, ed a quello di Kairi, Naminé, ma non all’Heartless di Kairi poiché il suo cuore è puro e non può essere divorato dalla sua parte oscura. Ansem fugge e cerca di completare il suo piano, creando una porta che gli permetta di accedere al Kingdom Hearts, ma quando cerca di aprirla la luce al di là del varco lo investe distruggendolo: dall’altra parte della porta, nel regno dell’oscurità, ci sono Riku, Re Topolino e Aqua, i quali aiutano Sora a chiudere la porta aperta da Ansem, rimanendo però all’interno del regno oscuro, mentre Sora, Pippo e Paperino la sigillano dall’esterno.

Kingdom Hears Chain of Memories

L’Heartless di Xehanort è distrutto, ma il suo Nobody, Xemnas, ha creato un gruppo di Nobody dalla forte volontà (molti dei quali “provengono” dagli assistenti di Ansem il Saggio) chiamata Organizzazione XIII la quale sta cercando a sua volta di accedere a Kingdom Hearts, credendo che ciò possa permettere ai Nobodies di diventare completi: per farlo, il piano dell’Organizzazione è quello di liberare i cuori degli Heartless attraverso i Keyblades.
Sora, Pippo e Paperino sono stati catapultati nel Castello dell’Oblio dove alcuni componenti dell’Organizzazione comandati da Marluxia vogliono sfruttare la capacità di Sora di brandire un Keyblade per poter liberare i cuori degli Heartless e per fare ciò ordinano a Naminé, assoldata tra le fila dell’Organizzazione, di modificare i ricordi di Sora per convincerlo ad eseguire il loro piano. Sgominati i membri dell’Organizzazione, Sora raggiunge Naminé che per scusarsi dei problemi causati promette a Sora di ripristinare i suoi ricordi, ma il ragazzo dovrà passare un anno della sua vita in uno stato di sonno profondo ed al suo risveglio non avrà memoria di quanto successo nel Castello. Qui vi giunge anche Riku, fuggito dal mondo dell’oscurità soprattutto grazie all’aiuto di Diz, alter-ego di Ansem il Saggio: quando Riku raggiunge Naminé, ella rivela che per recuperare i ricordi Sora dovrà congiungersi al suo Nobody, Roxas.

Kingdom Hearts 358/2 Days

Il Nobody di Sora è stato assoldato da Xemnas per combattere contro gli Heartless e racimolare cuori, dato che è l’unico membro dei 13 a poter impugnare un Keyblade (anzi, più avanti potrà impugnarne ben 2). Durante il suo periodo di permanenza nell’Organizzazione, Roxas stringe un legame di profonda amicizia con due membri: il primo è Axel, il secondo è Xion, quattordicesimo membro dell’organizzazione reclutato dopo l’arrivo di Roxas, capace anch’essa di impugnare il Keyblade. Col passare del tempo però Roxas scopre di essere indissolubilmente legato sia a Sora che a Xion, dato che questa non è altro che un Nobody replica, un clone di Roxas creata da Xemnas partendo dai ricordi che Sora ha perso nel Castello dell’Oblio, ideata per essere il piano B dell’Organizzazione in caso di fallimento di Roxas: capendo di essere stato manipolato, il Nobody di Sora si allontana dall’Organizzazione e si imbatte in Xion, la quale consapevole del fatto che sia lei che Roxas non possono coesistere, provoca il ragazzo per farsi sconfiggere da lui. Dopo la scomparsa di Xion, Roxas viene rapito da Riku e Naminé convince il Nobody a ricongiungersi al corpo di Sora per permetterne il risveglio, nonostante l’intervento di Axel che cerca di fermare l’amico.

Kingdom Hearts II

Risvegliatosi, Sora scopre dell’esistenza dei Nobody e dell’Organizzazione e scopre che Kairi è stata rapita da Axel e portata al quartier generale dell’Organizzazione. Il piano di Xemnas è quello già svelato: creare un nuovo Kingdom Hearts artificiale con i cuori liberati degli Heartless e di utilizzare il potere di Sora per raggiungere il loro scopo. Entrato all’interno di una simulazione digitale elaborata dal computer di Diz, Sora viene attaccato da un’orda di Nobody, ma il sacrificio di Axel permette al ragazzo di sopravvivere e di raggiungere la base dell’Organizzazione, dove Diz (rivelatosi Ansem il Saggio) sta utilizzando un marchingegno di sua creazione per neutralizzare il Kingdom Hearts artificiale, ma un surriscaldamento della macchina crea un’esplosione di luce che uccide Diz ma che libera Riku dall’oscurità e da ogni traccia dell’Heartless Ansem che ancora albergava in lui costringendolo ad assumere il suo aspetto. Sora e Riku si battono quindi contro Xemnas, potenziato dal potere residuo del Kingdom Hearts da lui creato, e una volta sconfitto sprofondano nel mondo dell’oscurità, ma riescono a trovare una via per ricongiungersi con Kairi grazie al forte legame fra il cuore della ragazza e quello di Sora.

Kingdom Hearts Coded

Il Grillo Parlante trova scritto sul suo Grillario (una sorta di diario nel quale vengono raccolte tutte le vicende vissute da Sora) una frase della quale non ha memoria: “il loro dolore sarà curato quando tornerai per finire ciò che hai iniziato”. Topolino decide di digitalizzare il Grillario e di mandare in esso una versione in forma di dati di Sora, il quale incontrerà data-Naminé che gli rivelerà il senso della frase: il cuore di Sora è connesso a Roxas, Naminé, Aqua, Ventus, Xion e Terra, Nobody e possessori di Keyblade che si sono persi nell’oscurità e che possono essere curati dal dolore solo dallo stesso Sora.

Kingdom Hearts Dream Drop Distance

Yen Sid rivela a Topolino che con la disfatta di Xemnas, il Nobody e l’Heartless Ansem si sono ricongiunti ridando vita a Xehanort e che pertanto Sora e Riku devono sostenere l’esame di Maestri del Keyblade per poter fronteggiare la nuova minaccia. I nostri eroi vengono quindi inviati a risvegliare dei mondi che erano ancora avvolti dall’oscurità: una volta completata la sua missione, Sora viene intercettato da una versione giovane di Xehanort che lo fa cadere in un sonno profondo, tormentandolo con delle visioni dei cuori sofferenti da lui toccati, visioni che a poco a poco indeboliscono il cuore del ragazzo. Sarà Xemnas a rivelare il piano di Xehanort a Sora: fallita la prima Organizzazione XIII, la giovane versione del Maestro  viaggiò nel tempo per radunare le varie versioni di sé, compreso l’Heartless Ansem ed il Nobody Xemnas, nelle quali inserire un frammento del proprio cuore e costituire così un gruppo di 13 cuori oscuri da contrapporre alle 7 principesse della luce per forgiare il 𝛘-Blade. Il maestro oscuro vorrebbe che il tredicesimo trono fosse occupato proprio da Sora diventando così uno dei tramiti di Xehanort, ma l’intervento di Riku, Topolino, Paperino, Pippo e Lea (il cui Nobody era Axel) portano alla fuga dell’Organizzazione e permettono all’amico di Sora di riportarlo indietro. Avventuratosi nei sogni di Sora, Riku cerca di ricomporre i pezzi del cuore del ragazzo per ridestarlo dal sonno: nonostante Sora non sia riuscito a superare l’esame, si complimenta con l’amico per la sua impresa. Yen Sid capisce che, dopo i recenti scontri con i tramiti di Xehanort, le 7 principesse della luce vanno protette da altrettanti guerrieri del Keyblade soprannominati guardiani della luce, pertanto Riku e Topolino intraprendono un viaggio nell’oscurità per cercare di liberare Aqua. Nel frattempo, mentre Sora intraprende il suo viaggio per recuperare i poteri persi durante l’utlimo scontro, Kairi rivela essere non solo una delle 7 principesse, ma anche una guerriera del Keyblade ed insieme a Lea si reca da Merlino dove entrambi intraprenderanno l’addestramento per diventare Guardiani della Luce.

Commenti