The Wizards: Enhanced Edition è una versione riveduta e corretta del gioco fantasy per VR uscito nel 2017 e sviluppato dalla software house polacca Carbon Studio, già autrice dell’avventura Sci-Fi Alice VR.
Com’è facile intuire dal nome, in The Wizards VR vestiremo i panni di un mago alle prese con un’orda di creature fantastiche volenterose di farci assaggiare i propri artigli e fauci, dotato di un’unica arma: le proprie mani.

E’ “vi-àr”…non “vì-ar”!

La vera peculiarità di The Wizards è infatti la possibilità di castare magie con i movimenti delle proprie mani, grazie a delle specifiche gesture che ci verranno insegnate man mano nel gioco a seconda della magia, dalla classica palla di fuoco, alla scarica di fulmini, passando per un arco etereo con tanto di frecce da scagliare tendendo e rilasciando la corda.
Necessari per giocare questo titolo, naturalmente, sono i controller PlayStation Move, i quali saranno le mani del nostro protagonista.
La precisione dei movimenti e la varietà delle gesture garantisce un esperienza di gioco del tutto inedita, coadiuvata da un’ambientazione accattivante e un sonoro 3D che rende ancor più immersiva la proposta di The Wizards VR.
Il gioco è una semplificazione della formula Action-RPG in prima persona a tema fantasy e i richiami a giochi come Skyrim sono evidenti. A differenza della versione VR del classico Bethesda, però, The Wizards si tratta di un gioco realizzato appositamente per la periferica VR che sfrutta in maniera brillante tutte possibilità offerte all’accoppiata visore + controller Move.

Muoviti sesamo!

Il sistema di movimento del mago avviene interamente tramite l’utilizzo dei controller Move.
Utilizzando il tasto centrale del Move sinistro possiamo far procedere il mago in linea retta, con la possibilità di deviare leggermente la traiettoria semplicemente girando lo sguardo.
Premendo i tasti X e O del Move destro possiamo ruotare la testa del mago di 30°, mentre il tasto X del Move sinistro è utile per poterci girare di 180° girandoci così di spalle.
Tra i vari incantesimi disponibili non poteva mancare il teletrasporto, utile per poter raggiungere piattaforme rialzate o dislivelli. Per muoverci con l’uso della magia, basta infatti premere il tasto centrale del Move destro puntando verso la destinazione desiderata. Rilasciando il tasto verremo quindi proiettati verso l’area evidenziata.
L’alternanza tra tasti fisici e gesture ci permette quindi di castare le proprie magie in piena libertà anche mentre siamo in movimento.
Se i comandi risultano precisi nel rilevamento dei movimenti, non è altrettanto semplice far fronte a dozzine di nemici con agilità.
Nelle fasi più concitate di gioco, infatti, risulta più difficile destreggiarsi con le magie e viene quasi spontaneo adottare uno stile di combattimento “sedentario”, limitandoci a bersagliare i nemici rimanendo fermi spostando semplicemente la visuale con il Visore.
Vista la frenesia dei movimenti richiesti da The Wizards, è raccomandabile giocare in uno spazio ampio libero da ostacoli, onde evitare spiacevoli incidenti.

L’apprendista stregone

Queste pecche però non intaccano più di tanto l’esperienza immersiva di gioco, che rimane il vero punto di forza del titolo Carbon Studio.
La trama è tra le più classiche di quanto si possa trovare fra i titoli di stampo fantasy, con orchi e goblin inferociti pronti a mettere il bastone fra le ruote del nostro impavido mago.
La presenza di uno stregone come voce narrante, a guidarci e condurci attraverso i livelli raccontandoci le curiosità del mondo di Meliora, rende però il tutto più divertente e coinvolgente.
Attraverso tre diversi scenari, composti da più stage ciascuno, saremo chiamati a respingere la minaccia nemica, facendoci strada fra castelli, miniere e rovine nel deserto, fino allo scontro finale al cospetto di un gigantesco drago.
Gli interemezzi puzzle game ci consentiranno di rifiatare fra un combattimento e l’altro garantendo, una buona varietà nei livelli che compongono il gioco.
Non altrettanto variegata è la gamma di nemici presenti nel gioco, limitata a pochissime specie di mostri incontrabili nei vari stage.
Per completare la storia e le sfide presenti sono necessarie poco più di 6 ore, longevità accettabile se considerato il prezzo di lancio di 24,99€ e l’esperienza VR del gioco.

Non mancano anche un pizzico di elementi tipici dei GdR.
In base al punteggio ottenuto nei vari livelli, per esempio, guadagneremo alcune gemme utilizzabili per potenziare le magie in nostro possesso.
Nascoste in alcuni scrigni sparsi per i livelli, inoltre, è possibile trovare delle carte con le quali indebolire o potenziare i nemici, un ottimo espediente per variare la difficoltà del gioco a proprio piacere.
Graficamente, The Wizards sfrutta le potenzialità offerte dall’Unreal Engine 4 contribuendo ad aumentare l’esperienza visiva, nonostante le animazioni dei nemici risultino un tantino legnose.
Da citare anche il comparto audio, dagli effetti binaurali che ci permettono di percepire la presenza di oggetti e nemici attorno a noi, all’ottimo doppiaggio del nostro compagno di viaggio chiacchierone.
Purtroppo l’Italiano non è presente fra le lingue selezionabili, un peccato per chi non dovesse masticare la lingua inglese e che quindi si perderebbe gli irriverenti sproloqui dell’anziano stregone guida.

Pro:

  • Castare le magie con il movimento delle mani è fichissimo
  • GDR fantasy in prima persona con tutta la magia del VR
  • Tecnicamente ben fatto

Contro:

  • Richiede un po’ di familiarità con il sistema di movimento
  • Leggermente confusionario negli scontri a più nemici
  • Assente la localizzazione in Italiano

Versione provata: PS4
Versioni disponibili: PC, PS4

Richiede VR + Controller Playstation Move.

Voto 7.5

Commenti