Image default
GOOGLE STADIA MOBILE NOTIZIE XBOX

Project xCloud: Apple offre una semi-apertura ma Microsoft non è d’accordo

Microsoft non è del tutto convinta delle nuove linee guida proposte da Apple per la questione dei servizi streaming.

Sembra che qualcosa stia iniziando a muoversi sulle questione del Project x Cloud per i dispositivi mobile iOS.

Eravamo rimasti al blocco del servizio da parte di Apple, la quale dichiarò che il funzionamento di Project xCloud, così come si presenta ad esempio sui dispositivi Android, infrangerebbe le sacrosante linee guida dell’App Store.

Ebbene, dopo la dura reazione da parte di Microsoft e degli utenti stessi, la compagnia di Cupertino ha trovato un modo per permettere i servizi di gioco in streaming tramite le proprie piattaforme iOS mobile, cioè iPhone e iPad.

L’azienda di prodotti tecnologici ha così effettuato un’importante modifica alle proprie linee guida in merito alla gestione delle applicazioni sull’App Store, permettendo in un certo modo servizi streaming come Project xCloud, Google Stadia e GeForce Now.

La condizione da seguire è che tutti i giochi disponibili per questi diversi servizi dovranno essere registrati con una loro apposita scheda prodotto sull’App Store, dal quale poter procedere al loro avvio. Di conseguenza, tutti i pagamenti in-game dovranno avvenire per mezzo di questa pagina e quindi passeranno obbligatoriamente attraverso il sistema controllato rigidamente da Apple.

Microsoft ha anche la possibilità di poter creare un’applicazione-catalogo in modo da poter linkare al suo interno tutte queste diverse “app” che consisteranno nei vari videogiochi da avviare in streaming, i quali dovranno però essere disponibili separatamente sull’App Store, e non soltanto all’interno dell’appllicazione del Game Pass.

Microsoft ha risposto alla semi-apertura di Apple, definendo la soluzione adottata dall’azienda come comunque una brutta esperienza per il consumatore. Il colosso di Redmond spiega infatti che “i giocatori voglio passare direttamente al gioco attraverso il loro catalogo ottimizzato, tutto all’interno della stessa app, come succede esattamente con i film o con le canzoni, e quindi non vogliono essere obbligati a scaricare oltre 100 app per giocare ai videogiochi singolarmente tramite il cloud“.

Quelli della compagnia americana continuano con la loro critica nei confronti di Apple, dichiarando che sono “impegnati nel mettere i giocatori al centro di tutto quello che facciamo, perché consegnare una buona esperienza è il fulcro della nostra missione“.

A questo punto però, non è ben chiaro se Microsoft abbia intenzione di accettare o no le nuove regole proposte da Apple. Vi aggiorneremo non appena ci saranno ulteriori informazioni in merito.

Project-xCloud iOS

Iscrivetevi alla community Facebook quì

Continuate a seguirci per rimanere informati su tutte le notizie riguardanti le console e i vostri giochi preferiti, Game-experience.it è qui per voi!

Related posts

Caricamento...