Game Experience
LIVE

Pentiment presentato all’Xbox & Bethesda Showcase

Ecco il nuovo particolare titolo di Obsidian Entertainment

Obsidian Entertainment ha presentato, nel corso dell’atteso evento Xbox & Bethesda Game Showcase 2022, il suo nuovo gioco, Pentiment. Di questo gioco si è già sentito accennare in diversi rumor e indiscrezioni e infatti il suo nome era già noto, tuttavia la sua natura era rimasta grandemente avvolta nel mistero, tranne che per alcuni dettagli più che evidenti dal trailer: la sua natura da rpg investigativo privo di sistemi di combattimento – un gioco focalizzato sulla narrazione, insomma, come fu detto in modo analogo al cult Disco Elysium.

Pentiment vi riporterà nel medioevo, con uno stile grafico perfettamente in linea con l’arte dell’epoca:

Il titolo, precedentemente noto come Project Missouri, si propone con una grafica a disegni molto particolare, che saprà essere apprezzata da chi ama le soluzioni originali – forse meno da chi cerca alti conteggi di pixel ed effetti grafici. Il gioco appare piccolo, perché effettivamente piccolo è: pur essendo sviluppato da Obsidian Entertainment il team impiegato nel suo sviluppo era composto da sole 12 persone, facendone di fatto un progetto parallelo, ma ciò non toglie valore alla sua natura originale. Molto importante sarà quanto ben scritta è la trama di questa avventura, che in molte scene sembra richiamare quasi dei passi della Divina Commedia.

Pentiment sarà rilasciato nel corso di novembre 2022 su console Xbox One, Xbox Series X|S, PC e sarà disponibile anche per il cloud gaming, approdando fin dal day one nel catalogo Xbox Game Pass. Potete visionare il trailer nel player disponibile qui di seguito. Fateci sapere cosa ne pensate.

pentiment

Articoli correlati

Giovanni Carrieri

Giovanni Carrieri

Amante dei videogiochi sin dalla più tenera età ho trascorso la fanciullezza sulle console per poi passare, crescendo, al PC, mia attuale piattaforma di riferimento. Amo in particolar modo i giochi di ruolo e gli adventure, specie se open world e con una componente narrativa ben scritta e sceneggiata. Non disdegno il gioco multiplayer, sempre che la compagnia sia buona.

Condividi