Game Experience
LIVE

Overwatch, Blizzard cambierà nome a McCree come conseguenza della causa contro l’azienda

Blizzard ha preso la decisione di cambiare il nome dell'eroe McCree, preso dall'ex sviluppatore coinvolto nella causa legale dell'azienda.

Blizzard Entertainment ha affermato che cambierà il nome di McCree, il cacciatore di taglie fuorilegge di Overwatch, dopo che il suo omonimo nella vita reale, l’ex game designer Jesse McCree, è stato licenziato dallo studio a seguito della causa per molestie e discriminazione sessuale intentata contro il publisher Activision Blizzard.

“Riteniamo che sia necessario cambiare il nome dell’eroe attualmente noto come McCree con qualcosa che rappresenti meglio ciò che Overwatch significa”, ha dichiarato il team di Overwatch di Blizzard in una dichiarazione pubblicata giovedì su Twitter annunciando il cambio di nome.

“Ci rendiamo conto che qualsiasi modifica a un eroe così amato e centrale nella narrativa del gioco richiederà tempo per essere implementata correttamente e condivideremo gli aggiornamenti man mano che questo lavoro procederà”, ha continuato Blizzard. “Nel breve termine, avevamo pianificato di dare il via a un arco narrativo a settembre supportato da una nuova storia e contenuti di gioco, di cui McCree era una parte fondamentale. Dal momento che vogliamo integrare questo cambiamento in quell’arco narrativo, rinvieremo il nuovo arco fino alla fine dell’anno e lanceremo invece una nuova mappa FFA questo settembre. D’ora in poi, i personaggi del gioco non porteranno più il nome di dipendenti reali e saremo più attenti e perspicaci nell’aggiungere riferimenti al mondo reale nei futuri contenuti di Overwatch”.

Overwatch McCree

Il vero Jesse McCree era un dipendente di Blizzard Entertainment di lunga data che ha lavorato alle espansioni di World of Warcraft dello sviluppatore, Diablo 3 e a Diablo 4. Ha lasciato l’azienda ad agosto, due settimane dopo la pubblicazione di un report che vedeva McCree prendere parte in un incontro di Blizzard alla BlizzCon “Cosby Suite”, con l’ex direttore creativo di World of Warcraft Alex Afrasiabi. Nella causa intentata dalla California a luglio, Afrasiabi è stato accusato di aver “preso parte a palesi molestie sessuali con poche o nessuna ripercussione” mentre era in Blizzard.

Fonte: Polygon

Articoli correlati

Daniele Franco

Daniele Franco

Videogiocatore incallito, fin da piccolo, appassionato di qualsiasi genere, ma in particolare GDR ed Action Adventure. Gioco principalmente sulla piattaforma verde, ma amo e rispetto tutte le piattaforme e tutti i giocatori, le tifoserie non fanno per me, giocate e divertitevi, quello è l'importante.

Condividi