Game Experience
LIVE

Naughty Dog spiega perchè è improbabile un ritorno di Jak And Daxter

Il team preferisce guardare al futuro

Anche se il team di Naughty Dog è diventato famoso negli ultimi anni per il suo lavoro sui franchise Uncharted e The Last of Us, i fan di lunga data dello studio hanno continuato a nutrire la speranza che un giorno lo sviluppatore avrebbe cercato di tornare alle sue radici e sviluppare un altro titolo legato alla serie di Jak and Daxter. Nonostante questa speranza persistente da parte di molti fan, però, alcuni membri chiave del team californiano hanno spiegato perché è improbabile che lo studio tornerà mai a questi franchise del passato.

In una recente intervista con Game Informer, i co-presidenti di Naughty Dog Evan Wells e Neil Druckmann si sono aperti all’idea di tornare ad alcune delle proprietà su cui lo studio ha lavorato negli anni precedenti. Mentre entrambi i dirigenti hanno ammesso di nutrire ancora un sacco di amore per le più vecchie proprietà intellettuali dello studio, la ragione per cui non ha lavorato su nuovi titoli con questi franchise si riduce semplicemente ai limiti di tempo. Ecco le parole di Wells riguardo all’idea di realizzare un altro titolo di Jak:

“Se avessimo risorse e tempo infiniti, sarebbe super divertente farlo. Guardate cosa sta facendo Insomniac con Ratchet e Clank ed è eccitante. È fantastico vedere queste cose. Siamo solo limitati nel tempo, sapete, ho 48 anni e quanti altri giochi si possono fare, quindi bisogna scegliere”.

Naughty-Dog

Druckmann ha fatto eco a questo sentimento di Wells e ha aggiunto che l’idea di tornare ad alcune delle vecchie proprietà di Naughty Dog è qualcosa che è stato considerato in passato. Druckmann ha poi spiegato:

“Una volta che finiamo un progetto, passiamo un bel po’ di tempo ad intrattenere tutti i tipi di direzioni diverse, sia che si tratti di qualcosa di nuovo o che si torni a qualche vecchio franchise. Ci prendiamo il nostro tempo, e se doveste vedere le nostre cartelle di concept art vedreste lavori inutilizzati che spaziano in tutte le direzioni. Poi guardiamo tutto e ci chiediamo… cosa ci piace? Qual è quella cosa che ci sfiderà e ci spingerà oltre, e spingerà il medium il più in avanti possibile? Ce lo chiediamo perchè quell’ispirazione è importante da portare attraverso tutti gli anni di produzione”.

Fonte: Comicbook

Articoli correlati

Oskar Heise

Oskar Heise

Amante di esperienze Singleplayer, indipendentemente dal genere di appartenenza. Quando sono stanco, faccio riposare l'anima sedendomi affianco a falò provenienti dal Giappone o cerco di non classificarmi ultimo in una partita online. Allergico a qualsiasi forma di console war.

Condividi