LawBreakers: Cliff Bleszinski continuerà a supportare il gioco

Come vi abbiamo riportato nelle scorse settimane, il nuovo titolo di Cliff Bleszinski, LawBreakers, non sta passando un momento felice.

Come vi abbiamo riportato nelle scorse settimane, il nuovo titolo di Cliff Bleszinski, LawBreakers, non sta passando un momento felice.

In queste ore il papà della saga di Gears of War, durante un’intervista con Games Industry ha affermato che il team di sviluppo continuerà a supportare il gioco così da far crescere la propria community.

“Tutto ciò che devo fare è mantenere un numero sufficiente di giocatori in modo da far si che se vuoi giocare sia possibile farlo senza problemi e che il matchmaking funzioni abbastanza decentemente da permettere alle persone di appassionarsi mentre allo stesso tempo sottolineo con cura tutto ciò su cui stiamo lavorando. Tutti coloro che ci giocano lo amano. Se guardi le recensioni utente di Steam quasi il 90% sono positive (82% per la precisione anche se tra quelle recenti c’è stato un calo piuttosto netto). Il punto è che non abbiamo ancora abbastanza giocatori. Abbiamo una piccola community acerba con cui continuiamo fedelmente a comunicare in maniera regolare. Siamo completamente trasparenti quando si parla di aggiornamenti e patch e stiamo continuando a pensare a elementi per il futuro e a cose che abbiamo pianificato per il gioco.

Quelli della stampa specializzata cercano solo visualizzazioni, stanno solo cercando entrate dalla pubblicità. Continueremo a fare ciò che stiamo facendo e loro possono pubblicare tutto quello che vogliono ma per quanto mi riguarda possono andare a quel paese (fuck off). Continueremo a realizzare il nostro gioco per i nostri fan.”

E voi avete comprato il titolo? Vi sta piacendo oppure non vi interessa affatto? Ditecelo nei commenti qui sotto!

Vi ricordiamo infine che LawBreakers è disponibile su PlayStation 4 e PC.

Per restare aggiornati su ogni novità del mondo videoludico e non, continuate a seguire il sito web di Game-eXperience e i nostri canali social.

Commenti