Game Experience
LIVE

It Takes Two vince il premio di Gioco dell’Anno anche in Cina

Il titolo di Hazelight Studios convince anche la Cina

Secondo Daniel Ahmad della società di analisi Niko Partners, circa la metà delle vendite di It Takes Two provengono dalla Cina. Ahmad ha riportato questo su Twitter. Ad ottobre, è stato annunciato che il gioco aveva venduto più di tre milioni di copie. Secondo Niko Partners, It Takes Two è stato anche il gioco più popolare sulle piattaforme livestreaming cinesi.

Oggi è stato annunciato che il gioco di Hazelight Studios è stato dichiarato gioco dell’anno ai Bilibili Game Awards, così come fu ai The Game Awards di dicembre. La cerimonia di premiazione è stata organizzata dalla piattaforma cinese di social media BiliBili.

Il videogioco è uscito nel marzo 2021. Ruota intorno ai protagonisti Cody e May che, dopo un grande litigio, vengono trasformati in bambole e trasportati in un mondo fantastico. Il gioco è disponibile su PlayStation 5, PlayStation 4, Xbox Series X e S, Xbox One, Steam e Origin. Se siete interessati, potete trovare la nostra recensione di It Takes Two a questo link.

“It Takes Two è un vero e proprio capolavoro. Una sorpresa continua capace di meravigliare, divertire e far riflettere. La passione trasmessa dai ragazzi di Hazelight Studios è tangibile nell’immensa varietà che il titolo va a proporre non soltanto in termini di ambientazioni, ma anche e soprattutto in termini di game design e level design. L’avventura di Cody e May è un viaggio fantastico capace non soltanto di far crescere la sintonia tra i personaggi scritti magistralmente ma anche di far crescere il legame tra i giocatori che intraprendono quest’avventura. Il titolo è un’esperienza davvero unica che vi consigliamo senza alcuna riserva, ancora una volta, un capolavoro.”

Articoli correlati

Oskar Heise

Oskar Heise

Amante di esperienze Singleplayer, indipendentemente dal genere di appartenenza. Quando sono stanco, faccio riposare l'anima sedendomi affianco a falò provenienti dal Giappone o cerco di non classificarmi ultimo in una partita online. Allergico a qualsiasi forma di console war.

Condividi