Milano, 31 luglio 2019Razer, leader globale nel lifestyle gaming, annuncia un numero record di atleti professionisti che sotto l’egida del Team Razer saranno protagonisti alle finali dell’EVO 2019 e del The International (TI9) Dota 2. I due eventi sono tra i tornei di esport più prestigiosi al mondo con un montepremi complessivo che tocca quasi i 31 milioni di dollari.

Dai Mousesports agli Evil Geniuses (EG) passando per il campione dei picchiaduro Kun ‘Xian’ Ho, tutti saranno al centro della scena all’EVO 2019, in programma a Las Vegas dal 2 al 4 agosto. Nello stesso mese agli EG si unirà il team Alliance per il TI9 che avrà luogo a Shanghai dal 20 al 25 agosto. Spinti da uno spirito battagliero e dalle migliori periferiche professionali dell’arsenale di Razer, gli atleti d’élite del Team Razer affronteranno i loro avversari davanti agli occhi di milioni di spettatori.

Innovazione negli esport dal 2005

Razer è un precursore del gaming professionistico sin dalla sua costituzione, nel 2005. Sotto l’egida del Team Razer, l’azienda collabora con alcuni dei migliori team e atleti della scena mondiale per sviluppare periferiche ad alte prestazioni e spingere le performance oltre i limiti. Oggi il Team Razer conta 18 top team di 25 nazioni.

“Razer è orgogliosa di avere una rosa di atleti così competitiva ai nastri di partenza di questi due importantissimi appuntamenti”, afferma David Tse, Global Esports Director di Razer. “La loro ricerca della perfezione, così come la loro sportività sono una fonte di ispirazione per i gamer di tutto il mondo”.

 

EVO 2019: TEAM RAZER ATHLETES SPEARHEADING THE PLAYER POOL

Gli atleti del Team Razer entrano in scena a Las Vegas il 2 agosto all’EVO, pronti a competere in titoli come Super Smash Bros. Ultimate, Tekken 7, Street Fighter V, DragonBall Fighter Z e altri.

L’EVO 2019 sarà teatro di alcuni combattimenti epici dato che i concorrenti del Team Razer sono vincitori delle passate edizioni. Xian è stato campione di Street Fighter IV all’EVO 2013, Christopher “NYChrisG” Gonzalez degli EG ha vinto nel 2016 a Ultimate Marvel vs Capcom 3, mentre l’asso di Street Fighter V Ricki “HelloKittyRicki” Ortiz è arrivato secondo nella Capcom Cup 2016.

Ma l’uomo da battere sarà Benjamin ‘Problem X’ Simon dei Mousesports, attuale campione in carica di Street Fighter V all’EVO 2018.

Problem X guida la carica

Un feroce combattente che utilizza più personaggi, Problem X è particolarmente noto per il suo utilizzo di Bison. Il 27enne inglese si era già fatto un nome nella Fighting Games Community (FGC) prima di entrare a far parte dei Mousesports nel 2017. Fu allora che esplose davvero sulla scena, diventando il concorrente di Street Fighter più temuto d’Europa.

Con prestazioni eccellenti in tutto il 2017, Problem X ha concluso il Capcom Pro Tour al settimo posto e si è fatto strada fino al livello più alto della FGC vincendo il torneo più prestigioso, l’EVO 2018, battendo il migliore del mondo a Las Vegas.

“Sono molto competitivo e mi esalto dove la pressione è ai massimi livelli”, dichiara Problem X. “Vincere l’EVO per la seconda volta di fila sarebbe fantastico, dato che nessuno prima d’ora ci è mai riuscito a Street Fighter V”.

Lasciato nel 2018 il suo lavoro, ha fatto di Street Fighter V la sua professione. Da allora supporta altri giocatori della regione e trasmette dal suo canale Twitch therealproblemx. È diventato uno degli avversari più temibili nella FGC, vittoria dopo vittoria.

Problem X ha vinto di recente:

  • Sonic Boom 2017
  • Capcom EU Regionals 2017
  • EGX 2017
  • SGB 2017
  • Celtic Throwdown 2017
  • Northwest Majors 2018
  • Sonic Boom 2019
  • April Annihilation 2019
  • Reflect UK 2019

La coppia di star degli EG è pronta a brillare

Anche gli Evil Genius saranno presenti in massa all’EVO 2019. Mentre NYChrisG è noto per essersi fatto un nome in Marvel vs Capcom 3 come campione nel 2016, ha comunque dimostrato di essere un giocatore versatile, sia in Street Fighter V che in molti altri titoli piacchiaduro. La giocatrice di Street Fighter V HelloKittiRicki, che potrebbe dover affrontare Problem X in un ‘all-out brawl’ di super star del Team Razer, si presenta senza timori e preparata al meglio.

“È fondamentale avere il giusto approccio mentale all’EVO”, spiega HelloKittyRicki, parlando di come si prepara all’evento. “Mi alleno duramente, ma indipendentemente da quanto sia buona la mia condizione, non carico di aspettative l’attesa, per rimanere calma e concentrata”.

A completamento della lista di atleti sponsorizzati Razer all’EVO c’è Xian del Team Razer. Alla domanda su quale siano i suoi obiettivi per l’evento di quest’anno, dichiara: “penso che l’EVO sia un torneo più incentrato sulla resistenza, dove è necessario avere la meglio su migliaia di avversari. Voglio davvero arrivare almeno tra i primi 8 quest’anno”.

Con così tanti atleti di alto livello che vogliono lasciare il segno, l’EVO di quest’anno si prospetta come uno dei tornei di esport più emozionanti della stagione.

THE INTERNATIONAL: il Team Razer rappresentato da due campioni delle passate edizioni

In programma tre settimane dopo l’EVO, il The International a Shanghai sarà teatro di uno scontro tra titani del Team Razer con gli Evil Genius e Alliance entrambi in competizione all’evento, in lizza per una parte del montepremi da 30 milioni di dollari, il più grande nella storia degli esport. Entrambe le squadre sono state vincitrici del TI: Alliance nel 2013 e Evil Genius nel 2015.

Gli EG sono veterani del TI

Gli Evil Genius sono di casa all’evento, avendo partecipato a tutti e cinque i tornei del TI dal 2014, piazzandosi sul podio in quattro di essi.

“È una sensazione diversa rispetto allo scorso anno quando abbiamo giocato dagli Open”, commenta il giocatore di punta della squadra, Artour “Arteezy” Babaev, dopo essersi qualificato per il TI9. “Giocare al TI è un’esperienza speciale che ti resta dentro. Vincere o perdere, ricordi importanti che ti spingono al limite come individuo e come squadra”.

“Per arrivare pronti al più importante evento di Dota 2 occorre un mix di preparazione individuale e di squadra”, aggiunge il più giovane giocatore degli EG, Syed Sumail “SumaiL” Hassan. “Abbiamo in programma un ritiro pre-torneo per compattarci e trovare la giusta concentrazione”.

Alliance riparte da dove tutto è cominciato

Gli Alliance sono saliti alle luci della ribalta nel 2013 quando la loro squadra di Dota 2, guidata da Jonathan “Loda” Berg, ha vinto il TI inaugurale. Da allora, l’organizzazione è diventata interamente di proprietà dei giocatori, continuando la tradizione di successo a Dota 2. Gli Alliance si sono creati nel tempo un notevole seguito a livello globale e annoverano molti giocatori importanti nelle rose attuali e passate, come Henrik “AdmiralBulldog” Ahnberg, il più grande streamer di Dota 2 su Twitch.

Ora la squadra non vede l’ora di competere al TI9, pronta ad affrontare qualsiasi avversario. “Non è possibile descrivere a parole quello che si prova”, afferma Loda commentando la sua partecipazione all’evento. “Al TI è davvero possibile capire già da subito quale team è disposto a vendere cara la pelle e quale invece potrebbe essere annientato se incontra l’avversario sbagliato. Siamo pronti a combattere contro tutto e tutti al TI”.

Considerato che gli Evil Genius cercheranno di continuare la serie positiva e gli Alliance faranno di tutto per tornare a primeggiare, sono sicuramente squadre da tenere d’occhio al TI9.

Per maggiori informazioni sul Team Razer, visitare http://www.razer.com/team

Per maggiori Informazioni sulla campagna ‘This is esports’ di Razer, visitare https://www.razer.com/campaigns/this-is-esports

Commenti