Game Experience
LIVE

GPU introvabili anche nel 2022, secondo l CEO di NVidia

La crisi è destinata a continuare ancora per molto

Qualsiasi giocatore che abbia provato a comprare una GPU o una console negli ultimi 18 mesi sa fin troppo bene quanto sia brutta la situazione del mercato. Le carenze legate alla pandemia mostrano pochi segni di attenuazione e la domanda elevata e l’offerta ridotta continuano a colpire duramente l’industria videoludica e non solo.

Coloro che cercano qualche raggio di speranza a breve termine potrebbero dover abbassare le loro aspettative dopo i commenti del CEO di Nvidia Jensen Huang. Huang ha fatto i commenti in merito durante un’intervista con Yahoo Finance per discutere il suo recente GTC tech showcase. Ecco e parole di Huang:

“Penso che per il prossimo anno, la domanda supererà di gran lunga l’offerta. Non abbiamo nessun proiettile magico nella navigazione della catena di approvvigionamento.”

Il CEO di Intel, Pat Gelsinger, condivide una simile visione a breve termine. Ecco le sue dichiarazioni, rilasciate durante una recente intervista con CNBC per discutere i guadagni del terzo trimestre di Intel:

“Siamo nel peggiore dei casi ora, ogni trimestre del prossimo anno andremo sempre meglio, ma non avremo un equilibrio tra domanda e offerta fino al 2023.”

Allo stesso tempo però, i prezzi e la disponibilità delle GPU dovrebbero gradualmente migliorare nel 2022, man mano che Ethereum si sposterà verso la proof of stake e lontano dalla proof of work basata sulle GPU. Gli acquisti per il mining diminuiranno prima del passaggio in quanto ci sarà meno tempo per recuperare i costi dei costosi acquisti. Inoltre, le GPU Alchemist di Intel potrebbero fornire una fornitura gradita se sono in grado di offrire un buon livello di prezzo/prestazioni.

Fonte: PC Gamer

Articoli correlati

Oskar Heise

Oskar Heise

Amante di esperienze Singleplayer, indipendentemente dal genere di appartenenza. Quando sono stanco, faccio riposare l'anima sedendomi affianco a falò provenienti dal Giappone o cerco di non classificarmi ultimo in una partita online. Allergico a qualsiasi forma di console war.

Condividi