Game Experience
LIVE

Google sospende le consegne via drone per gli attacchi degli uccelli

Dopo i fatti particolari avvenuto in Australia, Google ha deciso di sospendere momentaneamente il servizio di consegne.

Sembra proprio che Google abbia deciso di sospendere almeno in Australia il servizio di consegne via droni, in quanto si sarebbero verificati alcuni problemi con gli uccelli della zona.

Gli uccelli australiani, in particolare per quanto verificatosi a Canberra, starebbero attaccando troppo spesso i droni fattorini di Google, mettendo a rischio il dispositivo elettronico, il carico trasportato e la salute degli stessi animali.

A questo punto, l’azienda ha deciso di sospendere temporaneamente il servizio di consegne per cercare di capire come poter risolvere questo importante problema, anche per impedire di arrecare danni alla fauna locale.

Stiamo parlando di Wing, un servizio di consegne sperimentale gestito proprio da Google, che attualmente è arrivato a effettuare addirittura decine di migliaia di consegne con successo. L’articolo principale di queste consegne sperimentali è il caffé, ma sono stati trasportati in grandi quantità anche prodotti come medicinali, merendine e polli arrosto.

google-drone

Sono presenti in rete anche alcuni video ripresi dai locali che testimoniano quanto accaduto di recente ai droni di Google. Alcuni uccelli hanno iniziato ad attaccare i droni dimostrando un comportamento decisamente territoriale.

Qui sotto nell’articolo potete trovare uno di questo video, mentre si segnala anche che Google avrebbe assunto alcuni consulenti esperti nell’ornitologia al fine di capire quale possa essere l’impatto di questi droni elettronici sull’habitat australiano.

Il colosso tecnologico ha spiegato che l’attacco da parte degli uccelli ai droni è un’assoluta novità, anche se in passato era capitato di vedere alcuni di questi uccelli attaccare cani o altri animali che si stavano avvicinando troppo ai loro cari nidi.

Sicuramente quello che dovrà fare Google è segnarsi delle rotte che non passino nelle zone di nidificazione e di tenere costantemente monitorate le zone potenzialmente interessate.

Articoli correlati

Simone Balboni

Simone Balboni

Sono soltanto un videogiocatore pieno di passione, ho in casa solo 14 console e 3 PC, ma nessuno di questi fa girare Quake Champions. Nel frattempo mi diletto su server competitivi alla ricerca di una buona Tripla Uccisione.

Condividi