Milestone è un team di sviluppo italiano che negli ultimi anni ha lavorato alla saga di Ride, un interessante titolo di simulazione motociclistica. Ebbene dopo aver rilasciato Ride 2 nel 2016 per PlayStation 4, Xbox One e PC con l’aiuto di Square Enix come editore, il team milanese si sta preparando a rilasciare il nuovo capitolo, Ride 3, ed abbiamo avuto l’opportunità di provarlo durante la Gamescom 2018 di Colonia. Ride 3 è stato rivisto soprattutto in termini di realismo, personalizzazione e varietà di contenuti: Milestone ha apportato un sacco di nuove caratteristiche ed elementi che faranno sentirei giocatore come un vero pilota.

Nel gioco è stato aumentato il numero dei tracciati per poter soddisfare i gusti di tutti i giocatori, aggiunte GP e Supermoto, circuiti Country e City per guidare nei luoghi più iconici del mondo e molto altro. Una delle caratteristiche principali del gioco sarà legata alle innovative opzioni di personalizzazione, con l’aggiunta del Livery Editor, grazie al quale tutti i giocatori potranno sbizzarrirsi nel personalizzare in modo creativo le proprie moto. I giocatori potranno decidere se modificare una moto con i corrispettivi temi originali o di inventarne di propri per renderla ancora più affine ai propri gusti. Ride 3 proporrà un numero ancora più elevato di moto utilizzabili rispetto al secondo capitolo, numero che ammonta a più di 230 modelli disponibili findal Day One suddivisi in 7 categorie differenti; inoltre saranno presenti 12 nuovi tracciati, per un totale di 30 circuiti. Le novità legate alla personalizzazione dei veicoli permetteranno di effettuare modifiche sia dal punto di vista estetico che dal punto di vista meccanico: queste ultime andranno quindi ad influire sul feeling di guida di ciascuna moto. Milestone per lo sviluppo di Ride 3 ha effettuato il passaggio al motore grafico Unreal Engine 4, per avere così una grafica di gioco al passo coi tempi: grazie al nuovo motore grafico è stato possibile di introdurre la modalità notturna per la prima volta in un titolo della serie, inoltre per riprodurre nei minimi dettagli ogni singolo tracciato è stato utilizzato il Drone Scanning System per poter mappare in maniera fedele i circuiti originali. La nostra prova è avvenuta su Xbox One ed il primo impatto è stato molto positivo: una delle prima cose cose che saltano all’occhio giocando Ride 3 è la cura dei particolari dei paesaggio dei tracciati e delle moto stesse.

In Ride 3 sarà presente anche una modalità carriera completamente rivisitata che racconterà la storia di ogni specifica categoria di moto, produttori e tracciati iconici. Tra i nuovi tracciati che Milestone ha aggiunto possiamo trovare la Strada della Forra, vicino al Lago di Garda, una delle strade più emozionanti per gli amanti delle due ruote: detto anche ”paradiso dei motociclisti”, gli sviluppatori hanno ricreato i punti caldi di questa pista, dando la possibilità a tutti gli appassionati di motociclismo di cavalcare il proprio mezzo e percorrere una delle strade più panoramiche del mondo. Provano il titolo la prima cosa che si può capire nell’affrontare la prima curva è sicuramente la difficoltà del gioco: rispetto ad un titolo competitivo magari come Moto GP, dove è possibile vincere con qualsiasi moto con cui si decida di gareggiare, in Ride 3 invece sarà necessario far attenzione a molti fattori, come scegliere la moto ideale per il tracciato che si vuole percorrere. Abbiamo notato molto questa caratteristica provando a girare liberamente nel tracciato del Lago Di Garda, prima utilizzando una Superbike ed in seguito una modello Naked: con la Superbike, in questo caso avevamo scelto una Ducati Panigale, tenere cosi tante curve non è stato affatto semplice, date le caratteristiche troppo performanti della moto che magari sarebbero state più adatte ad un circuito da gara; utilizzando il modello Naked, ed avevamo scelto una Kawasaki, sullo stesso tracciato già notavamo quanto fosse più semplice tenere la moto in tutti i tornanti. Molto interessanti sono anche le nuove meccaniche di collisione: quando si pensa di riuscire a tenere in piedi la moto, in realtà si finisce per cadere, e questo da sicuramente un tocco in più di realismo al gioco, anche grazie all’effetto delle scintille create quando la moto graffia l’asfalto. Nel caso si dovesse cadere è possibile tramite un commando tornare indietro fino al punto che si preferisce, per riaffrontare quel pezzo di tracciato in un modo migliore. Nella modalità carriera invece, che abbiamo avuto la possibilità di provare, bisognerà affrontare diverse sfide con le varie tipologie di moto sui diversi tracciati presenti nel gioco. Il sistema di avanzamento prevede che alla fine di ogni prova vengano assegnati ai giocatori un totale di punti esperienza con cui aumentare di livello e un quantitativo variabile di crediti, con cui presumibilmente poter acquistare nuove moto in seguito.

Ricordiamo che Ride 3 verrà rilasciato il giorno 8 novembre 2018 per PlayStation 4, Xbox One e PC.

Commenti