Game Experience
LIVE

La Francia vieta i termini anglofoni nel settore dei videogiochi

La Francia vieta i termini anglicizzati nel settore dei videogiochi

Durante la giornata di ieri i funzionari francesi hanno continuato la loro secolare battaglia per preservare la purezza della lingua, rivedendo le regole sull’uso del gergo inglese nel settore videoludico.

Mentre alcune espressioni hanno trovatotraduzioni ovvie, come “pro-gamer” che è diventato “joueur professionnel”, altre sembrano essere più complicate, poiché “streamer” si trasforma in “joueur-animateur en direct”. Il ministero della Cultura, che è coinvolto nel processo, ha comunicato all’AFP che il settore dei videogiochi era pieno di anglicismi che avrebbero potuto fungere da “barriera alla comprensione” per i non giocatori.

Strive selected to help Fortress Esports conquer commercial success -  Strive Sponsorship, UK

La Francia ha vietato l’uso di temini anglicizzati nel settore dei videogiochi

La Francia emette regolarmente terribili avvertimenti sulla degradazione della sua lingua dall’altra parte della Manica, o più recentemente dall’Atlantico. L’Académie Française, organismo di controllo della lingua secolare, ha avvertito a febbraio di un “degrado che non deve essere visto come inevitabile”. Ha evidenziato termini tra cui il marchio dell’operatore ferroviario SNCF “Ouigo” insieme a importazioni semplici come “big data” e “drive-in”. Tuttavia, le modifiche di lunedì sono state pubblicate nella Gazzetta ufficiale, rendendole vincolanti tuttavia solo per i lavoratori del governo.

Tra i vari termini a cui sono state fornite alternative ufficiali francesi c’erano “cloud gaming”, che diventa “jeu video en nuage”, e “eSports”, che ora sarà tradotto come “jeu video de competition”.

Il ministero ha affermato che gli esperti hanno cercato nei siti Web e nelle riviste di videogiochi per vedere se esistessero già termini francesi. L’idea generale, ha affermato il ministero, era quella di consentire alla popolazione di comunicare più facilmente.

Tuttavia, nonostante i loro sforzi, le parole e le frasi in inglese sono diffuse nelle chat di tutti i giorni in Francia, in particolare quando si trovano in contesti tecnologici e di social media. I precedenti tentativi di modificare in modo simile il gergo sono tutti falliti in precedenza, come l’utilizzo di l’access sans fil à internet invece di le wifi. Gli sforzi regolari dell’Academie française per introdurre nuovi termini francesi sono spesso accolti con indifferenza. Rimaniamo in attesa di vedere come si svilupperà questa nuova situazione in Francia.

Francia

Fonte: eurogamer.net

Articoli correlati

Luca Isgrò

Luca Isgrò

Nato in pieno sviluppo del settore videoludico con un controller della PlayStation 1 in mano, inizio ad appassionarmi seriamente ai videogiochi all’eta di 5 anni. Fin da subito mi sono innamorato della saga di Call of Duty e crescendo ho iniziato ad interessarmi sempre a più titoli. Sono un grande appassionato di Esports, indifferentemente dal titolo; amo le competizioni. Fiero di far parte della grande famiglia di Game-Experience.

Condividi