UEFA 2020, il Campionato Europeo di calcio 2020 si giocherà sia sui campi reali che su quelli virtuali ed eFootball Pro Evolution Soccer 2020 sarà la competizione ufficiale dove si sfideranno i cyberatleti provenienti dalle varie nazioni europee per aggiudicarsi il titolo di campione continentale. La FIGC sta selezionando per la Nazionale Italiana i migliori talenti di PES

Per maggiori informazioni trovate qui di seguito il comunicato ufficiale della FIGC (Federazione Italiana Giuoco Calcio)

La FIGC conferma lo sbarco negli esport e sceglie Milano Calcio City, il popolare evento residenziale sul gioco del calcio, per una tappa di selezione della Nazionale di eFoot Azzurro, la squadra che rappresenterà l’Italia nel campionato calcistico virtuale in occasione di EURO 2020.

La UEFA, infatti, ha varato un progetto ambizioso e avvincente: il Campionato Europeo di calcio 2020 si giocherà sia sui campi reali che su quelli virtuali. eFootball Pro Evolution Soccer 2020 sarà la competizione ufficiale dove si sfideranno i cyberatleti provenienti dalle varie nazioni europee per aggiudicarsi il titolo di campione continentale.

Anche l’Italia scende in campo. La Federazione sta preparando la propria Nazionale virtuale e lo farà tramite una serie di tornei di qualificazione dove selezionare i più forti giocatori italiani. Dopo l’evento organizzato durante il Campionato Europeo Under 21 dello scorso giugno, la seconda tappa si svolgerà lunedì 30 settembre a Milano in via Tortona, presso Base. Il torneo sarà diviso in una fase eliminatoria con inizio alle ore 14 e una fase finale con inizio alle ore 17:30, dalla quale uscirà un solo vincitore. Le iscrizioni sono libere e gratuite, così qualsiasi appassionato potrà avere la possibilità di mettersi alla prova e ambire a far parte della spedizione azzurra di EURO 2020.

L’impegno della FIGC in questo settore rappresenta una forte volontà di accompagnare il movimento esport italiano nella sua crescita, non limitandosi però alla selezione della squadra azzurra ma anche coinvolgendo le nuove generazioni in specifici progetti educational.

Commenti