Game Experience
LIVE

Elden Ring, nuovi dettagli rivelati al Tokyo Games Show 2021

Ecco tutte le novità

Elden Ring non è stato presentato direttamente al Tokyo Game Show 2021, ma lo stream di Famitsu x Dengeki TGS 2021 del 3 ottobre ha visto la partecipazione di Yasuhiro Kitao di FromSoftware, che ha condiviso alcuni aggiornamenti sullo sviluppo e nuovi dettagli sul dark fantasy action JRPG. Yasuhiro Kitao si occupa di promozione, marketing e produzione presso FromSoftware e appare regolarmente agli eventi.

La discussione è iniziata presto nello stream, intorno al minuto 33:00. Yasuhiro Kitao ha iniziato spiegando che Elden Ring è un tipico gioco FromSoftware con elementi dark fantasy, ma con diverse differenze dai titoli Souls. Una delle novità è che il gioco è open world e che è collegato senza soluzione di continuità a diversi dungeon.

Ci sono dungeon di piccole e medie dimensioni sparsi nel mondo di gioco come tunnel sotterranei e ci sono quelli che ha chiamato “legacy dungeon“, ovvero enormi castelli e ambienti tipici che appaiono anche in Demon Souls e Dark Souls. Uno dei modi per godersi il gioco è esplorare la mappa e scoprire ed entrare senza soluzione di continuità in aree come questa.

I giocatori attraverseranno le praterie usando un cavallo, chiamato Reima, che si può evocare ovunque usando il fischietto, tranne che nei dungeon. Il mondo di gioco è enorme ed è progettato per essere un’altra fonte di pericolo, diverso dal senso di pericolo che si ha nei dungeon, il che dovrebbe aumentare il divertimento dei giocatori. Kitao ha anche parlato di come il cavallo influisce sulle battaglie. Per esempio, come si vede nel trailer di gameplay, quando si combattono nemici giganti come i draghi, si preferisce essere a cavallo. Ma in aree più strette, è meglio combattere a piedi.

Successivamente, Kitao ha spiegato che Elden Ring non ha indicazioni come “vai a questo dungeon dopo“. Il giocatore sarà infatti libero di esplorare e andare dove preferisce anche se a volte ci si può perdere completamente, e quindi ci sono elementi di gioco che aiuteranno il giocatore in quei momenti, come le mappe. Yasuhiro Kitao ha spiegato che, a differenza dei precedenti giochi Souls, è possibile trovare pezzi di mappe nel mondo di gioco. È quindi possibile aprire la mappa e impostare gli obiettivi in modo che appaiano come pilastri di luce per guidarvi.

Yasuhiro Kitao ha spiegato che “mentirebbe” se affermasse che Elden Ring è facile, ma ha spiegato che il gioco non sarà difficile solo per essere difficile. Il titolo è progettato in modo che si possa provare un senso di realizzazione quando si riesce a fare qualcosa o a scoprire qualcosa, e l’alta difficoltà è uno dei modi per raggiungere questo obiettivo. Tuttavia, ci sono diversi sistemi che rendono il gioco più facile per aiutare i giocatori, come essere in grado di evocare gli alleati. Ci sarà anche un sistema stealth come in Sekiro che permetterà di pugnalare e colpire i nemici, per evitare gli assalti frontali più duri. E se il dungeon che avete appena raggiunto è troppo difficile, sarete sempre in grado di trovare dungeon più facili per salire di livello prima, quindi anche questo aiuterà molto i giocatori.

Yasuhiro Kitao ha concluso il segmento ringraziando i fan che non si sono dimenticati di Elden Ring anche quando hanno taciuto sul gioco per due anni. Ha aggiunto infine che lo sviluppo sta procedendo senza intoppi e che faranno del loro meglio per rispettare le nostre aspettative.

Elden Ring verrà lanciato il 21 gennaio su PS4, PS5, Xbox One, Xbox Series X/S e PC.

Fonte: Dualshockers

Articoli correlati

Oskar Heise

Oskar Heise

Amante di esperienze Singleplayer, indipendentemente dal genere di appartenenza. Quando sono stanco, faccio riposare l'anima sedendomi affianco a falò provenienti dal Giappone o cerco di non classificarmi ultimo in una partita online. Allergico a qualsiasi forma di console war.

Condividi