Game Experience
LIVE

Disney avvia una causa per mantenere i diritti di diversi personaggi Marvel

Disney ha fatto causa a diversi creatori e co-creatori di personaggi Marvel per non perderne i diritti d'autore.

I creatori di alcuni dei personaggi più importanti della Marvel Comics hanno intentato azioni legali contro la società madre della Marvel, The Walt Disney Company, con l’intento di rivendicare la proprietà del copyright dei personaggi che hanno creato e co-creato. In risposta, la Disney ha avviato una serie di controquerele sostenendo che tutti i personaggi in questione sono stati creati con contratti di lavoro su commissione, il che significa che secondo i tecnicismi dell’attuale legge sul copyright, i creatori dell’opera potrebbero potenzialmente non rivendicare la proprietà sulle loro creazioni, indipendentemente dallo statuto delle limitazioni che precisa quando i diritti d’autore per la maggior parte delle creazioni multimediali dovrebbero tornare ai loro creatori originali.

Secondo il New York Times, che ha dato la notizia della controversia, la denuncia iniziale è stata presentata all’inizio di quest’anno dall’avvocato Marc Toberoff, in rappresentanza dello scrittore/artista Larry Lieber, fratello del defunto Stan Lee (nato Stanley Lieber). Larry Lieber è il co-creatore di Iron Man, Thor e Ant-Man. Come artista, Lieber è noto per aver illustrato i fumetti di Marvel’s Spider-Man per oltre 30 anni. Il 24 settembre, Lieber è stato affiancato nella sua causa contro la Disney dall’eredità del compianto artista Steve Ditko, co-creatore di Spider-Man e Doctor Strange; dall’artista Don Heck, co-creatore di Black Widow e Hawkeye; gli eredi dello scrittore Don Rico, co-creatore di Black Widow; e gli eredi dell’artista Gene Colan, co-creatore di Blade, Falcon e Carol Danvers, tutti rappresentati anche da Toberoff. Le disposizioni delle cause collettive affermano che la titolarità del diritto d’autore sui personaggi in questione dovrebbe tornare ai creatori citati 60 anni dopo la loro creazione (termine che, per molti dei personaggi in questione, scatterebbe a partire dal 2022) ai sensi della legge di revisione del copyright del 1976.

Disney

In risposta, la Disney ha presentato controquerela chiedendo a un giudice di respingere tutte le affermazioni dei creatori, sostenendo che le disposizioni della legge del 1976 non si applicano in nessuna delle cause dei creatori. Le controquerele della Marvel affermano che in tutti i casi, il lavoro svolto dai creatori è stato svolto su richiesta della Marvel con contratti di lavoro su commissione. L’atto del 1976 richiede che le opere mediatiche in questione siano state create in modo indipendente e vendute a un’altra entità per qualificarsi per la revisione del diritto d’autore ai creatori iniziali, cosa che la Marvel afferma non si applica nei casi in cui uno dei creatori intenti una causa contro la società. Due tribunali hanno deciso la causa a favore della Marvel, concordando con l’affermazione della Disney secondo cui le opere sono state create su richiesta della Marvel secondo i termini di un contratto di lavoro a noleggio. Il caso è stato successivamente risolto a termini non divulgati.

Articoli correlati

Daniele Franco

Daniele Franco

Videogiocatore incallito, fin da piccolo, appassionato di qualsiasi genere, ma in particolare GDR ed Action Adventure. Gioco principalmente sulla piattaforma verde, ma amo e rispetto tutte le piattaforme e tutti i giocatori, le tifoserie non fanno per me, giocate e divertitevi, quello è l'importante.

Condividi