Dopo avervi spiegato come funziona l’affascinante mondo di gioco di Death Stranding, questa volta vi diamo dei consigli per affrontare nel migliore dei modi quello che è probabilmente uno dei pericoli più importanti del nuovo titolo di Kojima: stiamo parlando delle Creature Arenate, anche dette CA.

Il primo consiglio che vi diamo quindi per avere vita facile contro queste inquietanti figure è di andare avanti nella storia fino ad arrivare al Capitolo 3.

A questo punto quindi iniziamo a parlare nel dettaglio delle CA: queste appaiono esclusivamente in presenza della Cronopioggia e sono facilmente individuabili a causa dei sottili fili neri, che dal cielo giungono fino a terra, quando sono presenti.

Segnaliamo che le Creature Arenate non possono vedervi ma solo sentirvi, per cui trattenete il respiro e non andateci vicino.

Per liberarsi velocemente delle CA è anche possibile lasciare a terra tutto il carico appena queste vengono rilevate, per poi farsi catturare ed infine sfuggire dallo scontro con la CA gigante abbandonando la zona di combattimento.

Tenendo d’occhio l’Odradek è possibile individuare le CA, a questo punto quindi se c’è una che vi impedisce di proseguire potete eliminarla agilmente attraverso una Granata Ematica.

Le CA neonato invece sono più difficili da individuare oltre ad avere un incredibile ed efficiente udito.

Riguardo le Creature Arenate Giganti invece potete sia fuggire dalla sua zona, delineata dal liquido nero, oppure abbattere circa 16 Granate Ematiche. Una volta abbatte nascono sul terreno una gran quantità di Cristalli Chirali.

Riguardo la questione Cronopioggia invece sarà possibile evitarla facilmente attraverso il Centro Meteorologico della Regione Centrale e le sue Previsioni del Tempo. Facendo in questo modo ovviamente non incontrerete le CA.

Ovviamente se morirete troverete un Cratere enorme sulla mappa nel luogo della vostra caduta.

A questo punto quindi, giunti alla conclusione dell’articolo, non possiamo fare altro che augurarvi buon viaggio.

In un futuro non troppo lontano, il mondo è sconvolto da misteriose esplosioni, che danno vita a una serie di eventi soprannaturali chiamati Death Stranding.

Con creature ultraterrene che infestano il paesaggio e un’incombente estinzione di massa, sarà Sam Porter Bridges a dover attraversare una terra desolata e devastata per cercare di salvare il genere umano dall’imminente annientamento.

Vi ricordiamo infine che Death Stranding è disponibile ufficialmente su PlayStation 4 dall’8 novembre 2019 mentre approderà su PC nell’estate del 2020.

Commenti