NOTIZIE

Cyberpunk 2077: designato il nuovo game director per le espansioni di gioco

CD Projekt RED ha designato Gabriel Amatangelo come nuovo game director per Cyberpunk 2077, il videogioco futuristico in prima persona che ha visto a fine 2020 un lancio sul mercato decisamente controverso.

Questo segue la dipartita dalla software house polacca del quest director Mateusz Tomaszkiewicz. Amatangelo invece si era unito a CD Projekt nel corso di gennaio 2020 come creative director di Cyberpunk 2077.

Precedentemente a questo ruolo, lo sviluppatore ha lavorato come design director sul DLC di Dragon Age: Inquisition, così anche come lead designer per varie espansioni di Star Wars: The Old Republic.

Cyberpunk 2077

Ricordiamo che il team di sviluppo ha ancora bisogno di un game director al fine di guidare lo sviluppo delle future espansioni single-player del gioco. L’ex game director Adam Badowski, invece, si concentrerà ora su altri doveri dirigenziali all’interno della compagnia videoludica.

Gli sviluppatori di CD Projekt hanno a quanto pare tanto lavoro da fare ancora per rendere più stabile e ottimizzata l’esperienza di gioco, soprattutto sulle console base Xbox One e PlayStation 4. Il gioco, infatti, non è stato ancora riammesso nel PlayStation Store da parte di Sony.

Lo studio polacco ha fatto sapere di star facendo il massimo pur di reinserire il videogioco cyber-punk all’interno del negozio digitale di PlayStation 4 e PlayStation 5, ma a quanto pare Sony non sarebbe ancora soddisfatta dello stato attuale di Cyberpunk 2077.

CD Projekt RED Cyberpunk 2077

In merito a questa situazione, il CEO della compagnia Adam Kicinski ha dichiarato di non avere ulteriori informazioni su un ritorno del gioco nel PS Store.

Inoltre, ben quattro studi legali si sono da poco uniti in un’azione collettiva contro CD Projekt RED, al fine di portare in tribunale l’azienda per aver nascosto di propria volontà lo stato pietoso del gioco sulle console base di vecchia generazione.

Secondo queste accuse, CD Projekt avrebbe nascosto la situazione definita disastrosa al fine di imbonirsi gli investitori, ovviamente a danno dei consumatori.