Game Experience
LIVE

La carenza di PlayStation 5 e Xbox Series X|S continua, ma in America calano i prezzi

Toccherà anche al mercato europeo?

Se siete gamer orientati al panorama console saprete bene come procurarsi hardware di nuova generazione sia difficile. PlayStation 5 è la console più ardua da reperire, ma non scherza neppure Xbox Series X, mentre la sorellina Xbox Series S soffre meno della carenza ma ne è afflitta comunque, seppure in minor misura. Tuttivia, oltre il vasto oceano, sul sulo americano degli Stati Uniti, qualcosa sta cambiando.

I restock più frequenti hanno portato un calo dei prezzi di PlayStation 5 e Xbox Series X|S.

Sebbene questi restock non siano cosi frequenti da risolvere la carenza di scorte, sembra infatti siano bastati a giustificare un calo dei costi. A spingere questo cambiamento anche le mutazioni di un mercato che comincia a risultare poco ospitale per gli scalper che, fino a oggi, hanno praticamente fatto da padroni, controllando il mercato delle console Sony e Microsoft e gonfiando i prezzi a dismisura. Per loro comincia a diventare poco conveniente, questo mercato, e mi spiace dirlo con la bavetta alla bocca di chi sente una notizia gradita e lungamente attesa.

A comunicare il calo dei prezzi è stato Mat Piscatella, noto analista impiegato presso NPD, che ha evidenziato come nell’ultimo anno i prezzi minimi notificati da StockX sono calati. Se per esempio lo scorso 8 aprile 2021 una PlayStation 5 veniva venduta a un prezzo minimo di 779$, ora la stessa costa un minimo di 659$. Stessa cosa per la console ammiraglia dell’offerta Microsoft, Xbox Series X, che è passata da un minimo di 693$ all’attuale di 529$. Xbox Series S, invece, meno afflitta dalla carenza, sta avvicinandosi al prezzo suggerito dal produttore, vale a dire 274$.

Certo la situazione non è ancora risolta: la penuria di scorte prosegue di pari passo con la crisi dei semiconduttori, e i più risoluti e tenaci tra gli scalper, ancora molti, continuano a fare i loro porci comodi lucrando sui desideri della gente comune. Rimane comunque un buon segno di miglioramento, un segno che questa situazione non potrà durare in eterno, e anzi comincia ad avvicinarsi alla sua meritata fine. Forse non risolveremo tanto facilmente la situazione dei semiconduttori, ma già liberarsi della piaga degli scalper sarebbe buona cosa.

Già lo scorso mese di marzo ebbi il piacere di scrivere a riguardo di come gli scalper, relativamente al mercato PlayStation 5, avessero cominciato a rimetterci in termini di margine di profitto, ed è un piacere vedere che la situazione va peggiorando, per loro, e migliorando per noi, onesti gamer.

Fonte: Twitter

Articoli correlati

Giovanni Carrieri

Giovanni Carrieri

Amante dei videogiochi sin dalla più tenera età ho trascorso la fanciullezza sulle console per poi passare, crescendo, al PC, mia attuale piattaforma di riferimento. Amo in particolar modo i giochi di ruolo e gli adventure, specie se open world e con una componente narrativa ben scritta e sceneggiata. Non disdegno il gioco multiplayer, sempre che la compagnia sia buona.

Condividi