NOTIZIE

Call of Duty: Warzone – Un video mostra l’esplosione nucleare in azione

Come vi abbiamo riportato nei giorni scorsi, proprio in queste ore Activision ha dato il via ad nuovo evento di Call of Duty: Warzone che ha messo in mostra una devastante esplosione nucleare che ha cambiato per sempre Verdansk, mappa del celebre ed amato titolo Battle Royale di Raven Software.

Ovviamente questo tragico ed esplosivo evento è stato catturato attraverso un video dedicato, così da mostrare anche a tutti coloro i quali si siano persi l’appuntamento di cui sopra di poter vedere l’impressionante esplosione Nucleare in azione. Questo filmato mostra infatti un enorme missile nucleare viaggiare che devasta tutto e tutti.

Call-of-Duty-Warzone-Nucleare

Ad impatto avvenuto ecco poi spuntare in cielo l’immancabile fungo atomico che pare dare poche speranze a chi immaginava, e desiderava, che dopo questa esplosione potessero restare in piedi varie zone di Verdansk in quel di Call of Duty: Warzone. Ora non ci resta che attendere le prossime ore e vedere come questa mappa sia effettivamente cambiata.

Per scoprirlo dobbiamo attendere nello specifico le ore 06:00 del 22 aprile, orario italiano ovviamente, dove Verdansk potrebbe (e secondo gli insider dovrebbe) includere tantissime zone ed elementi presi direttamente dalla Guerra Fredda di Call of Duty: Black Ops Cold War.

Eccovi il video, buona visione!

A questo punto quindi non ci resta che attendere e vedere cosa ne è rimasto dopo l’esplosione nucleare all’interno di Warzone, ma intanto sapevate che l’insider Nanikos ha affermato che nelle prossime settimane potrebbero essere finalmente introdotti i caschi in Call of Duty: Warzone? Cliccate al seguente link per leggere tutte le interessanti indiscrezioni a riguardo che sono emerse in rete nei giorni scorsi.

Inoltre se siete fan della saga non possiamo che segnalarvi le dichiarazioni di Tom Henderson, ormai arcinoto ed affidabile leaker, secondo le quali Call of Duty WWII: Vanguard (capitolo che dovrebbe gettare le sue radici nella Seconda Guerra Mondiale) è quantomeno per il momento un “fo**uto disastro“.