Game Experience
LIVE

Call of Duty Warzone: bannati 60.000 cheater in una notte

Bannati da Activision 60.000 cheater di Call of Duty: Warzone in una sola notte

Activision ha deciso di prendere seri provvedimenti per i cheater di Call of Duty: Warzone, bannandone ben 60.000 in una sola notte. Dal lancio del gioco il publisher ha dandito dal noto tiolo battle royale 300.000 persone che utilizzando trucchi nel gioco. Il provvedimento è stato preso da Activision anche in seguito all’addio di alcuni volti famosi del mondo dello streamer, che ormai ritenevano Warzone ingiocabile a causa dei numerosi cheater.

Il sistema anti-cheat del gioco è stato sempre molto criticato dalla community, ma gli sviluppatori per un lungo periodo non hanno rilasciato alcun commento sulla questione; così molti giocatori sono stati costretti a dover disattivare il cross-play per non trovare hacker nelle partite. Il fatto che Warzone sia un free-to-play di sicuro non ha aiutato, proprio perchè molti cheater non si sono preoccupati del poter essere bannati dal gioco, avendo la possibilità in seguito di creare tranquillamente un nuovo account e tornare a giocare. Il sistema di verifica a due fattori ha permesso ad Activision di escludere dal gioco circa 180.000 account sospetti, ma erano comunque presenti altri modi per aggirarlo. Activision ha già comunicato di voler aumentare gli sforzi e le risorse in varie aree, incluso un software anti-cheat interno.

Ricordiamo che Call of Duty: Black Ops Cold War e Warzone sono disponibili per PlayStation 4, Xbox One, PlayStation 5, Xbox Series X/S e PC.

Call Of Duty: Warzone Free-To-Play, Even If You Don't Own Modern Warfare -  GameSpot

DESCRIZIONE Call of Duty: Black Ops Cold War

Call of Duty Black Ops Cold War immerge i giocatori nell’instabile conflitto geopolitico della Guerra Fredda, nei primi anni 80. Niente è mai come sembra nell’avvincente Campagna per giocatore singolo, in cui affronterai figure storiche e dure verità, combattendo in scenari celebri di tutto il mondo come Berlino Est, il Vietnam, la Turchia, il quartier generale sovietico del KGB e altri ancora.

Nei panni di operatori d’élite darai la caccia a un’oscura figura nota come Perseus, intenta a destabilizzare gli equilibri mondiali e intenzionata a cambiare il corso della storia. Calati negli oscuri meandri di una cospirazione globale insieme a personaggi iconici come Woods, Mason e Hudson, decisi a fermare insieme a nuovi operatori un complotto avviato da decenni in Call of Duty.

Continuate a seguirci per rimanere informati su tutte le notizie riguardanti le console e i vostri giochi preferiti, Game-experience.it è qui per voi!

Fonte: eurogamer.net

Articoli correlati

Luca Isgrò

Luca Isgrò

Nato in pieno sviluppo del settore videoludico con un controller della PlayStation 1 in mano, inizio ad appassionarmi seriamente ai videogiochi all’eta di 5 anni. Fin da subito mi sono innamorato della saga di Call of Duty e crescendo ho iniziato ad interessarmi sempre a più titoli. Sono un grande appassionato di Esports, indifferentemente dal titolo; amo le competizioni. Fiero di far parte della grande famiglia di Game-Experience.

Condividi