NOTIZIE

Call of Duty: Warzone – Activision ha bandito POW3R dai suoi tornei

Activision si è offesa per le accuse dell'influencer.

I cheater sono una delle piaghe più grandi, per non dire la più grande, che affligge attualmente Call of Duty: Warzone, celebre free to play di Activision che ovviamente viene giocato anche da streamer famosissimi e molto apprezzati dal pubblico, tra i quali è impossibile non citare anche POW3R, noto streamer e pro player italiano che nelle scorse settimane si è ritrovato suo malgrado al centro di un duro attacco da parte di alcuni cheater mentre era alle prese proprio con Warzone

Visto il suo essersi ritrovato invischiato in questa situazione, con un gruppo di cheater che lo aveva preso di mira a tal punto da organizzare stream sniping ai suoi danni, cosa questo che lo ha costretto a non poter giocare a Call of Duty: Warzone visto che appena avviava una partita se la trovava piena zeppa di imbroglioni, il celebre pro player italiano non solo è stato costretto ad abbandonare il famigerato free to play targato Raven Studios, ma anche di dare il via all’hashtag #FIXWARZONEita. Questo hashtag ha conquistato rapidamente un po’ tutti i giocatori di Call of Duty in Italia, accedendo addirittura alla tendenza su Twitter nel nostro Bel Paese.

Il celebre streamer italiano POW3R è stato quindi capace di attirare le attenzioni di Activision, con tre recente cinguettii che hanno svelato i contenuti (o almeno una parte di essi) che hanno contraddistinto e caratterizzato l’incontro con il celebre ed imponente publisher americano a cui dobbiamo la vendutissima serie di Call of Duty.

L’influencer ha quindi affermato che “probabilmente ci sarà un anticheat entro la prossima stagione“, per poi rivelare che probabilmente non lo “vedrete più partecipare ai tornei di Activision“. Ma perché questa notizia così definitiva? A darci la risposta è stato lo stesso pro player italiano che ha rivelato come in quel di Activision si siano sono offesi per il suo avergli dato del “clown“.

Non potrò partecipare ai tornei di Activision perché si sono offesi per avergli dato dei clown e aver fatto casino mediatico, sicuramente sbagliato ma pensate ignorare una persona che per 10 giorni chiedeva una mano sull’essere streamsniperato dai cheater ogni partita

Qui di seguito trovate i tre tweet condivisi direttamente da POW3R: