Game Experience
LIVE

Bimbo di 4 anni si fa una scorpacciata al McDonald’s grazie al telefono rubato alla mamma

In questi giorni stiamo riportando non poche notizie riguardanti bambini a dir poco monelli ed inarrestabili che mettono in seria difficoltà i propri genitori. Difatti dopo avervi segnalato la storia di Muhammad, papà di 41 anni, costretto a vendere la propria auto per pagare i 1800 dollari spesi dal figlio in microtransazioni sul gioco mobile Dragons: Rise of Berk, in questo articolo segnaliamo una notizia piuttosto bislacca riguardante il piccolo Tom, bimbo di appena quattro anni.

Il bambino è infatti riuscito nell’impresa di ordinare l’equivalente di 65 euro, ben 400 real brasiliani, con un ordine del McDonald’s, cosa questa a dir poco diffilcotosa per un bambino della sua età. Ma come ci è riuscito il piccolo Tom? In realtà è tutto piuttosto semplice, con la piccola peste che ha deciso di mettere le mani sul telefonino della mamma, Raissa Andrade di 32enne di Recife, in quel di Brasile.

Difatti la donna era appena rientrata in casa dopo una visita medica, intenzionata a farsi una doccia veloce, tempo questo in cui il suo smartphone è rimasto a portata del figlio che ha ben pensato di farsi letteralmente una scorpacciata di delizie varie presso la nota catena di fast food americana. Il piccolo Tom ha infatti ordinato presso il McDonald’s più vicino a casa sua ordinando ben 10 sacchetti di cibo a domicilio.

Il bambino è quindi riuscito ad acquistare ben 6 Happy Meal, 8 McSundae, 6 menù promozionali, 10 frappè, 8 giocattoli e ben 8 bottiglie d’acqua. La mamma inoltre non si è arrabbiata più di tanto, sia perché la cifra spesa non è di quelle imponenti e fuori portata dalla donna e sia perché il bimbo aveva già acquistato più volte del cibo online durante il lockdown per il coronavirus, spinto ed invogliato a farlo ovviamente dalla mamma.

Raissa Andrade ha quindi deciso di pubblicare su Instagram le foto ed il seguente messaggio:

Tom si è accorto che mancava un giocattolo dei Minion e una torta di mele”. 

Un-Bimbo-McDonalds

Inoltre sì, tutto è bene quel che finisce bene con la donna che ha spiegato come vista la mole del cibo ordinato dal proprio pargoletto, il piccolo Tom, lei abbia deciso di invitare alcuni parenti che vivono nello stesso palazzo così da passare qualche ora spensierata tutti insieme, mangiando insieme l’ordine piuttosto consistente effettuato con successo dal bambino.

Raissa Andrade ha inoltre spiegato come questo episodio le abbia strappato un sorriso che ormai mancava dalla sue labbra da un po’ di tempo a questa parte, visti alcuni seri problemi di salute che l’avevano messa in gran difficoltà nei mesi precedenti.

Fonte: Keblog.it

Articoli correlati

Alberto Rossi

Alberto Rossi

Nasco Nintendaro grazie al Super Nintendo per poi subìre la seduzione d'altri lidi, con monoliti neri e croci verdi. Per fortuna che ancora una volta arrivò Navi a dirmi: "Ehy listen..."

Condividi