Game Experience
LIVE

Bethesda risponde ai fan PlayStation preoccupati per i giochi futuri dopo l’acquisizione di Xbox

Pete Hines di Bethesda ha parlato ai fan PlayStation che sono preoccupati e si sentono esclusi dopo l'acquisizione da parte di Microsoft.

Pete Hines di Bethesda e Aaron Greenberg di Xbox hanno discusso di recente durante la Gamescom circa il futuro dei giochi Bethesda su PlayStation, e Hines ha iniziato dicendo che in realtà non ha una buona risposta per i fan di PlayStation che sono preoccupati dall’acquisizione di Microsoft.

Bethesda

“Non ho idea di come dirlo in quanto…non lo so. Non conosco la risposta. Non esiste. Non è che lo so e semplicemente non voglio dirtelo. Non lo so”, ha detto Hines.

Hines ha continuato sottolineando che i fan di Bethesda su console PlayStation potrebbero non essere completamente esclusi dai titoli futuri della software house, anche se sembra chiaro che Xbox stia ricevendo un trattamento preferenziale come ci si aspetterebbe in questo tipo di situazione.

“Ci sono brand Xbox che esistono su altre piattaforme, prima di tutto. Penso che sia importante notare che Minecraft non ha smesso di esistere su qualsiasi cosa una volta che Mojang è stata acquistata da Xbox”, ha detto Hines. “È un gioco enormemente giocato su tutte queste altre piattaforme. Non è un ‘Scusa, non potrete mai più giocare a qualcosa di Bethesda.’ Certamente, ci saranno cose che non potrete giocare [su PlayStation]. Starfield, è stato annunciato come un’esclusiva Xbox”, ha detto. “Non so se posso arrivare al punto di dire che non potrete più giocare a nulla su PlayStation. Ma, di nuovo, non conosco la risposta ora come ora”.

Il prossimo grande gioco di BethesdaDeathloop, sarà comunque in esclusiva temporale per PS5 su console (è in arrivo anche su PC), ma questo perché l’accordo di pubblicazione del gioco era in vigore prima che Microsoft acquisisse Bethesda.

Deathloop-1 Bethesda

Per quanto riguarda Greenberg, ha detto che è cauto anche nel parlare del problema a causa di come le cose possono essere confuse con le sue citazioni. “Voglio stare attento. So che è una domanda a cui la gente tiene molto. È anche difficile per noi rispondere perché, francamente, può essere sensazionalizzato su internet”, ha detto.

Detto questo, Greenberg ha affermato che l’acquisizione di Bethesda da parte di Microsoft è stata guidata dal desiderio di rafforzare il portfolio first-party dell’azienda con l’obiettivo di offrire ai giocatori Xbox la migliore esperienza. Greenberg ha riconosciuto di essere attento e premuroso sul modo in cui l’accordo di Microsoft con Bethesda influirà sui giocatori di tutte le piattaforme.

A tal fine, Greenberg ha ricordato ai giocatori che i giochi proprietari di Microsoft usciranno anche su PC e sul cloud gaming, quindi gli utenti PlayStation potrebbero continuare a giocare in questo modo. “Non stiamo dicendo che devi acquistare una Xbox per giocare a quei giochi”, ha detto Greenberg.

Hines ha continuato a dire nell’intervista che le persone dovrebbero prestare attenzione a ciò che Xbox sta facendo nei reparti cloud e streaming. Una volta che lo streaming diventerà più comune, non sarà più questione di quale piattaforma si possiede, che si tratti di una TV, un telefono o “forse qualche altro dispositivo”, ha detto.

“Se si inizia a concettualizzare dove può arrivare il cloud, non bisogna preoccuparsi della piattaforma. Dice solo, ‘Sono una cosa cloud di Xbox Game Pass e puoi trasmettermi in streaming su qualcosa se possiedi un controller'”, ha detto.

Infatti, Microsoft ha già intenzione di creare il proprio stick di streaming per xCloud e di collaborare con i produttori di TV per creare il supporto per lo streaming direttamente nei televisori. Microsoft tuttavia ha ripetutamente sottolineato che lo streaming sarà solo un’opzione per coloro che lo desiderano, la società continuerà a produrre hardware di gioco dedicato.

phil-spencer

Detto questo, Hines ha affermato di credere fermamente nella visione lungimirante del boss di Xbox, Phil Spencer, che va oltre il concetto di console.

“L’intera idea che sia una cosa di Xbox o di PlayStation, non sto dicendo che è andata via, ma è un po’ troppo anni ’90/2000. È una nuova era, il gaming oggi è ovunque”, ha detto. “Ecco perché sono così entusiasta di Xbox, è perché si è allontanata da questo ‘Stiamo cercando di vendere una scatola ed è tutto ciò che ci interessa.’ Ci interessa questo, ma penso che la visione e gli obiettivi lì siano molto più grandi ed emozionanti, onestamente”, ha concluso Hines.

Bethesda

Insomma, sembra che i giocatori su PlayStation non avranno particolari certezze circa l’arrivo dei giochi futuri di Bethesda fino all’effettivo annuncio del titolo, con le due parti che hanno dunque intenzione di continuare a procedere “caso per caso” in base al tipo di gioco e alle strategie in ballo.

Fonte: Gamespot

Articoli correlati

Daniele Franco

Daniele Franco

Videogiocatore incallito, fin da piccolo, appassionato di qualsiasi genere, ma in particolare GDR ed Action Adventure. Gioco principalmente sulla piattaforma verde, ma amo e rispetto tutte le piattaforme e tutti i giocatori, le tifoserie non fanno per me, giocate e divertitevi, quello è l'importante.

Condividi