Game Experience
LIVE

Apple, dovrà sostituire le porte di ricarica degli iPhone con l’USB-C

Passa la riforma UE che costringe Apple a uniformarsi dal 2024 allo standard europeo che prevede l’utilizzo della porta di ricarica di tipo USB-C per la maggior parte dei dispositivi elettronici

Apple dovrà cambiare la porta di ricarica per i suoi iPhone dall’autunno 2024 per conformarsi alle nuove regole che prevedono l’utilizzo un unico tipo di porta di ricarica per la maggior parte dei device elettronici.

La direttiva è passata martedì con una maggioranza piuttosto ampia al Parlamento Europeo; ha ricevuto 602 voti favorevoli a fronte di soli 13 voti contrari e 8 astensioni. Si tratta della prima volta che viene adottata una regola di questo genere nel mondo e la qual cosa potrebbe dare una maggiore importanza al ruolo dell’Unione Europea nel farla diventare punto di riferimento nello stabilire standard a livello di device tecnologici. Il voto quindi non ha fatto altro che confermare una comunanza d’intenti già espressa dai paesi europei.

Tra i grandi produttori di device, Apple, è senza alcun dubbio quella che subirà un maggior impatto, ma alcuni analisti hanno sottolineato come potrebbe aver anche effetti positivi nel momento in cui dovesse incoraggiare a comprare nuovi accessori, al posto di quelli senza porta USB-C. Infatti Apple utilizza ancora il connettore Lightning per molti dei suoi dispositivi, tra cui gli iPhone.

Apple dovrà aggiornarsi agli standard europei entro il 2024, sostituendo la porta di ricarica tipo USB-C

L’avvocato dell’Unione Europea, Alex Agius Saliba, che ha portato avanti la riforma ha spiegato:

Con la nuova direttiva la maggior dei dispositivi elettronici venduti dopo il 2024 dovranno diventare così compatibili con un unico tipo di porta di ricarica. I vecchi dispositivi non saranno ovviamente illegali e potranno essere ancora utilizzati.

Mettere fuori legge i vecchi dispositivi avrebbe creato un impatto sproporzionato sui consumatori e sull’ambiente. Questa riforma consentirà un cambiamento graduale, con i vecchi prodotti sostituiti gradualmente.

Malgrado la proposta di legge prevedesse solo sette dispositivi elettronici affetti nella lista di quelli che avrebbero dovuto apportare i necessari cambiamenti, il Parlamento Europeo ha esteso gli effetti della riforma a tredici categorie di prodotti che dovranno convertirsi entro l’autunno 2024. Gli avvocati hanno aggiunto alla lista anche i laptop dal 2026.

Apple, in passato ha avvertito che la proposta avrebbe rallentato l’innovazione e creato una montagna di spazzatura elettronica.

Tuttavia la Comissione Europea ha stimato che la proposta per una sola porta di ricarica farà risparmiare 250 milioni di euro ai cittadini.

Il Consiglio europeo dovrà approvare formalmente la direttiva che sarà effettiva 20 giorni dopo la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea. I paesi UE avranno a disposizione dodici mesi di tempo per recepire le norme e dopo 12 mesi dalla scadenza del periodo di recepimento per l’applicazione della stessa. Le nuove norme riguarderanno esclusivamente i prodotti immessi sul mercato dopo la data di applicazione.

apple iPhone

Articoli correlati

Condividi