Game Experience
LIVE

Amouranth, lo stalker che la perseguitava è stato arrestato

Come vi abbiamo prontamente riportato con un articolo dedicato, Kaitlyn ‘Amouranth’ Siragusa ha lanciato nei giorni scorsi attraverso il suo profilo ufficiale Twitter un vero e proprio allarme, affermando che uno stalker si era messo pericolosamente sulle sue tracce, trasferendosi nei pressi della sua abitazione così da non perdersi ogni minimo movimento della celebre content creator.

E come ha rivelato la ragazza in queste ore, lo stalker di cui sopra proveniente dall’Estonia, e che l’ha perseguitata per oltre un mese e mezzo, è stato finalmente arrestato. Ed anche questo importante annuncio è stato condiviso dalla celeberrima e-girl attraverso il suo attivissimo profilo ufficiale Twitter.

Amouranth ha confermato che lo stalker proveniente dall’Estonia è stato finalmente arrestato

Come confermato da Amouranth quindi, il suo stalker ha deciso di trasferirsi dall’Europa, precisamente dall’Estonia, vendendo tutti i suoi averi per trasferirsi in quel di Houston, accampandosi in un hotel con vista sulla casella postale della ragazza e trascorrendo oltre un mese in campeggio ogni giorno presso uno Starbucks lì vicino.

Inoltre questo uomo ha psicoticamente trasmesso in streaming ogni minuto del suo viaggio (segnale internet permettendo) in tempo reale su twitch. Tipicamente a zero spettatori, ma in crescita man mano che acquisiva notorietà. Il suo account è stato poi cancellato in seguito alle segnalazioni della e-girl.

Alla fine questo stalker ha trovato l’abitazione di Amouranth, cercando di entrare al suo interno dopo 30 minuti trascorsi lì nei paraggi. A quel punto la ragazza ha chiamato il 911, con le forze dell’ordine che l’hanno immediatamente arrestato.

Amouranth
Fonte: Twitter

Articoli correlati

Alberto Rossi

Alberto Rossi

Videogioco praticamente da sempre, con il desiderio inesauribile di vivere fantastiche avventure in mondi affascinanti, potendo in questo modo assaporare quella splendida sensazione di libertà che mi è stata preclusa nella vita reale. E poi diciamocelo chiaramente: videogiocare su una sedia a rotelle è decisamente comodo!

Condividi