E’ strano trovare le versioni base di Goku e Vegeta come personaggi aggiuntivi, in quanto metterli a fianco delle loro controparti di livello Super Sayan 1 o Blu, farebbe pensare automaticamente ad una minore potenza dei primi. Tuttavia qui siamo in un picchiaduro e ciò che conta è l’efficacia delle mosse. Fosse altrimenti non avrebbe senso selezionare personaggi come Crilin o Yamcha, pertanto ecco che Goku e Vegeta base possono dire la loro.

Iniziamo specificando che la scelta non è per niente creativa in termini di selezione, in quanto di Goku e Vegeta ne abbiamo già in abbondanza da scegliere, tuttavia le loro peculiarità in termini di mosse riescono a far scusare la ridondanza estetica che va ad occupare le nuove caselle. Si tratta quindi di una scelta che arrichisce il roster con un criterio piuttosto pigro, orientato al fanservice più banale e scontato, ma che con il pad alla mano conferma una costruzione solida nella giocabilità.
Dal punto dell’ambientazione entrambi sono ripresi dal momento del loro primo scontro sulla Terra, poco dopo l’inizio della serie Z, pertanto mosse, animazioni e dramatic finish vanno a celebrare in particolar modo quella parte del manga o serie animata, ma senza trascurare anche altri passaggi ugualmente noti agli appassionati.

Goku base è un personaggio votato al supporto. Il suo Kaioh Ken è attivabile come fosse una super, ma diventa tanto più potente se Goku è l’ultimo personaggio rimasto in squadra. Una meccanica per consentire la ripresa in caso di difficoltà, ma anche una citazione al tempo stesso, in quanto il Goku che sfrutta maggiormente questa tecnica è proprio quello della saga dei Sayan, il quale fu l’ultimo combattente rimasto in piedi per difendere il pianeta dall’attacco di Vegeta e Nappa. Su questo si conferma la bravura eccezionale di Arc System Works nel rendere FighterZ un picchiaduro ben strutturato da giocare, ma anche citazionistico in contemporanea, andando a soddisfare due fasce di pubblico completamente opposte.
Tra le mosse speciali c’è una presa “command grab”, la quale funziona contro un avversario in posizione di parata ma è anche inseribile durante una combo, risultando utile per allungare le sequenze di colpi, così come per scompaginare la difesa avversaria.
Goku base però è meno votato all’uso delle onde energetiche, offrendo però un proiettile che parte dal basso per dirigersi verticalmente, seguendo una linea solitamente poco sfruttata dalle fireball e avvantaggiandolo nella difesa.
A fare davvero spavento però è la sua sfera Genkidama, la quale può essere caricata e usata in forma semplice per proiettare il nemico in aria e lasciarlo esposto ad ulteriori colpi dopo averlo danneggiato. Alla massima potenza invece viene sferrata dall’alto verso il basso, andando a coprire una quantità di schermo impressionante, diventando così piuttosto complicata da evitare, ma al tempo stesso proibitiva da parare, in quanto il suo chip damage è paragonabile ad una supermossa normale presa in pieno.
Nel complesso Goku base è un personaggio interessante, la cui potenza però va sfruttata da un giocatore esperto, in quanto ciascuna tecnica richiede una conoscenza del gioco più avanzata rispetto alla media per essere usata in modo incisivo. Al contrario di Vegeth, presentato nello scorso aggiornamento, che invece presentava input semplificati, qui troviamo un set di mosse piuttosto sfizioso per creare giocate diverse dal solito, ma con il requisito di una maggior pratica.

Il principe dei Sayan in questa sua versione riesce a tradurre nella rosa di mosse tutta la perfidia che lo caratterizzava al suo debutto. A molti scapperà un ghigno nel vedere che la sua presa speciale, che proietta l’avversario in aria per lasciarlo vulnerabile ad altri colpi, riproduce perfettamente l’infame scena in cui uccide Nappa nel manga. Uno dei momenti di più profonda cattiveria mai esibiti dal personaggio, qui è stato riprodotto fedelmente.
Tra le mosse speciali non c’è niente di particolarmente originale, tuttavia la ginocchiata può essere utile per continuare il pressing sull’avversario anche qualora sia parata, continuando con un cross up. Il calcio in picchiata invece è trasposto in modo identico dalla sua edizione precedente. Tra le super bisogna evidenziare che sia il Galick Cannon che lo scoppio di energia riescono a colpire un avversario schiantato al suolo, diventando perfette come conclusione di una combo e allungando il danno con facilità anche nelle combo meno elaborate. La sua lama di energia si presta ad imbastire dei setup interessanti,  dato che può essere diretta in varie angolazioni.
Vegeta nel complesso rimane un personaggio poco originale e privo di trovate particolari, tuttavia solido  e forte, offrendo delle opportunità efficaci su cui imbastire il proprio gioco, specialmente nelle combo aeree.

Commenti