Game Experience
LIVE

Halo Serie TV episodio 1×04 “Homecoming” – Recensione

 Siamo arrivati al vero ritorno a casa di John, che (con grande lentezza) un ricordo dietro l’altro tenta di riconnettersi ulteriormente con il suo passato prima del programma Spartan. Ci avviciniamo quindi di un altro piccolo passo alla rivelazione degli Halo, fin troppo lenta e mal calcolata tra un riempitivo e l’altro.

La storia

Halo-serie-tv-master-chief
Siamo al quarto epidosio di Halo Serie TV di Paramount+ in onda su Sky e NOW (qui potete trovare la recensione degli episodi 1 e 2).

Inconsapevole dei fatti e lontano, in questo episodio di Halo Serie Tv vediamo lo Spartan Kai seguire l’esempio di Master Chief, che in un atto di confusione e forse curiosità si libera del proprio dispositivo di controllo emozionale. Nel frattempo, l’impulsività giovanile di Kwan ha portato lei e Soren in una situazione pericolosa in un Madrigal molto diversa da come la ricordava.
Per quanto riguarda il programma Spartan, ci vieno mostrato solo un decimo della giovinezza del nostro eroe: come nei videogiochi, anche in Halo Serie Tv i futuri Spartan sono stati reclutati in giovane età e sottoposti ad una campagna di lavaggio del cervello. Nel presente, credendo che l’artefatto sia una sorta di intelligenza artificiale che risponde a John ed esclusivamente a lui, Halsey lascia la briglia sciolta e gli permette di condurla fin su Eridanus II. John si trova quindi non solo a ricordare frammenti di sè stesso, ma a conti fatti deve decifrare il mistero, partendo dai propri vecchi disegni di bimbo.

L’umanizzazione degli Spartan

In Halo Serie Tv ripartiamo da lì, dove John scava più a fondo nei suoi ricordi mentre Halsey sembra sempre più preoccupata per quello che potrebbe trovare. Master Chief riesce a ritrovare l’artefatto, ma la lontana memoria di una Halsey nella sua casa, molto prima che i genitori morissero. Nel frattempo, il resto del Team Silver è stato incaricato da Miranda per aiutarla con alcuni test sul manufatto. Tuttavia, Miranda coglie il cambiamento graduale di Kai, e anche la profondità dietro quelle che sembrano semplici macchine per uccidere: ogni membro del gruppo ha una specializzazione ed una personalità, anche se sopita. Non avendo mai potuto avvicinarsi agli Spartan a causa della madre Halsey, per la prima volta Miranda si trova non più a provare risentimento, ma sconvolgimento per ciò che hanno dovuto affrontare sul campo senza battere ciglio.
Se non era già chiaro dalle parti iniziali di questo episodio di Halo Serie Tv, Kwan non è al sicuro a Madrigal. Tuttavia Soren si lascia convincere a darle più tempo per mettere insieme i generali di suo padre, presumendo che si siano salvati prima che Vinsher e le sue forze arrivassero a loro. Tuttavia il ricongiungimento non va a buon fine e Kwan e Soren si trovano inseguiti da Vinsher, senza più una nave su cui salpare.
Miranda e Kai intanto ci vengono mostrate mentre scoprono il linguaggio Covenant e determinano il primo scorcio di esistenza degli Halo, che per ora tengono per sè: Miranda spiega che Halsey, sua madre, ragiona per numeri e dati e vede le persone come goffe e imperfette, sostanzialmente delle risorse di cui investirsi o disfarsi nel nome della ricerca a risposte più grandi. Le piace il controllo, quando tutto funziona come dovrebbe.

Interpretazione intensa

HALO-serie-tv-kai-spartan
Pablo Schreiber è sensazionale in questo episodio di Halo Serie Tv, bisogna davvero ammetterlo, nei panni di John, specialmente durante le numerose scene dall’interno del casco, cosa che normalmente non vediamo. Kai e Miranda con il loro operato si sono ovviamente esposte contro Halsey, producendo un ottimo contrasto, importante per aiutare a dare corpo a entrambi i personaggi – specialmente alla (fin’ora) quasi non-vista Miranda, che si prefigura come la controparte meno crudele e spietata rispetto alla madre. Kennedy è stata stellare nel ruolo di Kai, senza rinunciare all’impostazione da tipico Spartan che ben conosciamo. Tuttavia, Gorman nei panni di Vincher non convince ancora come cattivo. La regia rimane ottima, la CGI sembra leggermente migliorata per quanto riguarda Cortana, e perfino se costellato di riempitivi, l’episodio di John e quello di Miranda stanno prendendo finalmente slancio, forse in previsione dell’arrivo degli Halo. Battaglie? Ancora non pervenute per il momento.

 

Articoli correlati

Erika Berselli

Erika Berselli

Giocatrice di ruolo e videogiocatorice vorace. Le piace sparire dal vivo quanto fare il ladro o muoversi nello stealth. Amante degli horror (nonostante poi non ci dorma per sua stessa ammissione) e dei gdr.

Condividi